Turismo sostenibile, l'attività del Gal Vda

Prosegue il nostro viaggio per scoprire le ricadute delle strategie economiche europee sul territorio: andiamo a Saint-Rhémy en Bosses, in frazione Cerisey

Aprirà in estate "Maison Farinet", attività ricettiva ricavata dalla ristrutturazione di un'abitazione di fine Ottocento in frazione Cerisey, a Saint-Rhémy en Bosses.

Un progetto concepito da François Viérin e famiglia, già gestori del rifugio Mont Fallère, poco prima della pandemia e reso economicamente sostenibile da Gal Valle d'Aosta, acronimo dell'unico Gruppo di azione locale sul territorio valdostano: finanziato con il cinque percento del Programma di sviluppo rurale, l'ente raggruppa 83 soci pubblici e privati.

Gal opera attraverso il FEASR, il fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale. I progetti in via di realizzazione (per un totale di 8 milioni e 700 mila euro circa di contributi) rientrano nella programmazione 2014-20, con un prolungamento di due anni in ragione delle difficoltà causate dal Covid.

Maison Farinet sarà così composta: un monolocale al primo piano, tre camere al secondo e all'ultimo piano un bar ristorante, che proporrà agli ospiti i prodotti della valle del Gran San Bernardo.

Per la riqualificazione dello stabile secondo principi di risparmio energetico e sostenibilità ambientale, Gal ha assegnato al progetto 100 mila euro, cioè il 50 percento del totale.

Un sostegno reso ancora più prezioso dalla difficile congiuntura economica, così come spiegato nell'intervista a Marta Aiello, coordinatrice del Gal. 

Il prossimo ciclo di programmazione dei bandi Gal prenderà il via nel 2023.

Un obiettivo che a Cerisey potrebbe essere centrato grazie a una posizione particolarmente favorevole: a portata di piste di sci di fondo e discesa, sul confine con la Svizzera e lungo la via francigena. Una zona già conosciuta da turisti e pellegrini nord-europei, in primis olandesi e belgi.

Quanto ai fondi residui della programmazione attuale del Gal, uscirà nella seconda parte del 2022 il bando rivolto ai privati nell'ambito della micro ricettività. 
Nel mirino, attrezzature e software da rinnovare.