Il senso e il dopo della Giornata mondiale della gioventù

Ad accoglierli, il vescovo di Aosta Lovignana: "Spetta ora a noi adulti permettere di germogliare al seme gettato da questa esperienza"

Alla 37esima Giornata mondiale della gioventù di Lisbona, fra il milione e mezzo di pellegrini, c'erano anche 86 ragazzi e ragazze valdostani, accompagnati da sei fra religiosi e laici della Diocesi di Aosta. Li abbiamo incontrati al loro rientro in Valle, dopo quasi trenta ore di viaggio in pullman.

Nel servizio, interviste ai giovani pellegrini Jacopo Scali, Sylvie Cerise e Genie Lale Lacroix, al seminarista Simone Garavaglia e al vescovo di Aosta monsignor Franco Lovignana, fra familiari e amici ad accogliere i giovani pellegrini.