La media nazionale è del 52, contro il 71 fra gli uomini

Donne, in Valle lavora il 66 per cento

Ma le dirigenti rappresentano solo un quinto del totale e la rappresentanza politica è ancora risicata. In aumento le denunce di violenze e abusi

Italia fanalino di coda europeo per occupazione femminile, meglio solo della Grecia: nella fascia di età 15-64 anni lavora il 52 per cento delle italiane, contro il 71 per cento degli uomini. In Germania, è occupato il 77 per cento delle donne e l'80 degli uomini.

E in Valle d'Aosta? Lavora il 66 per cento delle donne, al pari delle francesi. Su di una forza lavoro complessiva di 8000 persone, le donne sono 3000.

Le manager rappresentano il 20 per cento del totale, al di sotto del tasso nazionale di un punto e mezzo.

All'origine del gender gap la mancanza di una condivisione equa del lavoro di cura familiare.

Ed è in evoluzione anche la percezione che singoli e comunità hanno della violenza di genere. In Valle, nel 2023 le denunce sono state 184, contro le 160 del 2022. Boom di aggressioni o anche maggiore consapevolezza da parte delle vittime?

Per chi si reca in caserma, dal 2019 è disponibile "Una stanza tutta per sè", frutto della collaborazione fra Zonta Club e Soroptimist: un ambiente che ha facilitato il colloquio con gli investigatori e il momento della deposizione per 10-15 donne ogni anno.

Nel servizio, le interviste a Katya Foletto, consigliera di parità, e Laura Lodi, presidente dello Zonta club VdA.