In Consiglio regionale

Casinò ed energia elettrica in aula

Confronto sulle anticipazioni dello studio sulla Casa da Gioco commissionato dalla giunta ad uno dei principali network di consulenza internazionale. Si è parlato anche delle politiche tariffarie di Cva

Il futuro del Casinò dopo la chiusura della procedura di concordato. E' il tema che ha aperto la seduta pomeridiana del Consiglio regionale, per esaurirlo tuttavia in pochi minuti. L'interrogazione a risposta immediata, presentata dai consiglieri Aggravi, Brunod, Planaz e Lucianaz, verte sulle anticipazioni, pubblicate da La Stampa venerdì scorso, dello studio commissionato dalla giunta a uno dei principali network di consulenza internazionale sul futuro della casa da gioco di Saint -Vincent, la cui conclusione porterebbe ad una privatizzazione. 
Sull'effettivo contenuto dello studio, però, trasmesso da Finaosta alla Regione ma non ancora preso in esame, il presidente Renzo Testolin non si sbilancia. 
Prima - afferma in aula - il documento deve essere esaminato e condiviso dalla giunta per poi essere oggetto di confronto in maggioranza e infine approdare in quarta commissione. 
Il percorso di analisi sta avanzando - conclude - e avremo certamente la possibilità di discuterne in modo approfondito nelle sedi e nei modi appropriati, anche visto la delicatezza e l'interesse del tema.
Risposta che non soddisfa il capogruppo di Rassemblement Valdôtain, Stefano Aggravi, che incalza sulla calendarizzazione delle audizioni sul tema in quarta commissione.