Giornata in ricordo delle vittime

Quattro anni dal Covid, oggi la commemorazione

La cerimonia alle 9.30 al cimitero di Aosta. Ripercorriamo gli eventi, dalla zona rossa a Pontey alla chiusura del centro tamponi alla Pépinière

Pandemia, contagio, lockdown, dispositivi di protezione individuale, mascherine chirurgiche o Ffp2, tamponi molecolari e antigenici, al drive-in o sotto i tendoni militari, e poi vaccini, Moderna, Pfizer e Astrazeneca, e no-vax, green pass col QR code sempre a portata di mano, sul telefonino. La corsa contro il tempo di scienziati di tutto il mondo per trovare una risposta immunitaria utile a contrastare l'infezione dal virus Sars-CoV-2.

Sono passati quattro anni dall'inizio della più grande epidemia dell'ultimo secolo, e anche se alcuni termini e modi di dire, fortunatamente, li abbiamo archiviati, non si possono dimenticare i morti. Sette milioni in tutto il mondo, 567 nella sola Valle d'Aosta, regione colpita per ultima, in Italia, ma poi più gravemente delle altre, con 54 mila contagiati, il numero più alto in rapporto alla popolazione, superiore anche a quello della Lombardia.

Oggi si ricordano proprio i camion dell'esercito con le bare nelle strade di Bergamo. Era il 2020. In Valle d'Aosta i primi contagi a Pontey, uno studente rientrato da Piacenza. Poi il virus che dilaga nella microcomunità per anziani, scatta la zona rossa. L'ospedale Parini, come ricordava l'infettivologa Silvia Magnani, preso in contropiede, ritmi estenuanti per medici e infermieri, alle prese con caschi e respiratori, cure ancora inesistenti.

E poi il centro tamponi alla Pépinière, aperto il 1° novembre 2020, chiuso il 31 marzo dell'anno scorso, dopo la dichiarazione di fine emergenza pandemica da parte dell'Oms. 

Quattro anni fa, l'inizio. Due anni fa, la fine del periodo peggiore e il momento dei bilanci. Ora, il ricordo, per onorare le persone che ci hanno lasciato, spesso, nei primi mesi della pandemia, senza nemmeno la celebrazione del funerale. E' successo ai primi 151, anche nella nostra regione. Oggi la cerimonia di commemorazione, alle 9.30 al cimitero di Aosta.