Maltrattamenti e minacce alla convivente da parte di un quarantenne

"Se parli ti sparo", arrestato compagno violento

Lei voleva lasciarlo. Le violenze davanti alla suocera e alla figlia di pochi mesi. Contestato dalla Procura anche il mancato rispetto dell'obbligo di fedeltà

Ha minacciato di morte la convivente davanti ai carabinieri, intervenuti dopo che aveva iniziato a picchiarla: un uomo di 42 anni è stato arrestato ieri sera in un comune della cintura di Aosta per maltrattamenti in famiglia. "Fai attenzione a quello che dici. Ti sparo in testa, ti faccio fredda e poi ti butto nella Dora", ha detto l'uomo in presenza dei militari.


Ieri sera la sua compagna gli aveva fatto intendere di volersene andare di casa. I toni si sono alzati quando è stata sollevata la questione dell'affidamento della figlia piccola. L'uomo - hanno ricostruito i carabinieri - ha iniziato a colpire la convivente con pugni in testa e a lanciare vari oggetti. All'arrivo della suocera, ha minacciato anche lei. Così sono stati chiamati i militari: dopo aver assistito alla minaccia nei confronti della donna, l'hanno quindi ascoltata. Occultata nell'auto dell'uomo, è stata trovata inoltre una mazza da baseball.


Il 42enne si trova nella casa circondariale di Brissogne. La procura di Aosta ha chiesto al gip la custodia cautelare in carcere.