Politica & Istituzioni

"Si potrebbe pensare a un referendum tra i veneziani"

Grandi navi a Venezia. Toninelli: "San Nicolò o Chioggia. No a Marghera"

Il titolare delle Infrastrutture in laguna per la questione delle Grandi Navi. Prime indicazioni favorevoli alle opzioni San Nicolò e Chioggia
Credits © Tgr Veneto Il ministro Toninelli a Venezia
Il ministro Toninelli a Venezia
"I tecnici hanno filtrato le idee esistenti hanno scelto quelle che potevano essere soluzioni percorribili e abbiamo questi primi documenti che indicano San Nicolò e Chioggia" come possibile futuro per il porto di Venezia ad uso delle Grandi navi. Così il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli dopo un sopralluogo su Venezia per la questioni Grandi navi. No all'ipotesi Marghera, con canale dei Petroli e Vittorio Emanuele perché impraticabili per manovra, sicurezza e inquinamento definendo l'area "una zona Seveso".

Un referendum tra i veneziani
"Siccome siamo il Movimento Cinque stelle e non vogliamo far calare dall'altro una decisione porteremo ai cittadini tutte le informazioni che non avevano e magari poi faremo anche un referendum, perche' no". L'ha detto il ministro Danilo Toninelli al termine del sopralluogo effettuato a Venezia

Mose: "Stiamo sbloccando 65 milioni"
"Per il Mose stiamo sbloccando 65 milioni che permetteranno di contribuire a finire l'opera. Fino a oggi e' stata spesa una somma molto grande e quindi la struttura deve essere completata". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli oggi a Venezia dopo il sopralluogo in laguna per verificare la questione del passaggio delle navi da crociera nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca. Il Mose e' il sistema di paratie mobili che dovrebbe impedire il fenomeno dell'acqua alta in laguna. Fino a oggi l'opera e' costata oltre 5 miliardi di euro

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Politica & Istituzioni