Cronaca

Il delitto sarebbe avvenuto domenica notte

Donna uccisa a Verona. Il presunto omicida si costituisce a Genova

La vittima, una cittadina polacca di 51 anni, sarebbe stata picchiata a morte dalla persona che si è consegnata nelle mani degli agenti della Questura del capoluogo ligure.
Credits © Foto Ansa Auto della Polizia
Auto della Polizia
Sulle prime ha ammesso che avevano litigato, poi ha aggiunto che “probabilmente l’aveva uccisa”. In questura a Genova, martedì mattina, si è presentato di sua spontanea volontà, un cittadino tunisino di 41 anni. Agli agenti ha raccontato di essere arrivato lunedì da Verona. Si era svegliato nella casa di via Albere, in zona stadio, dove aveva trascorso la notte da un’amica, una signora di 51 anni di origini polacche, che abitava in città da più di 20 anni. La mattina si era accorto che la donna era riversa a terra, immobile.
Con lei, nella notte, aveva litigato: e questo l’ha confessato. Quello che ancora non è chiaro sono la dinamica dei fatti, il movente e le circostanze in cui l’aggressione è maturata. Tutti elementi che sta cercando di mettere insieme la polizia di Verona.

La squadra mobile martedì è stata allertata dai colleghi di Genova: si è recata sul posto e ha constatato effettivamente il decesso. Sul corpo, il medico legale, da una prima analisi, ha verificato la presenza di ferite alla testa, compatibili con la versione di un violento litigio. 

Le indagini sono coordinate rispettivamente dalle Procure della Repubblica di Verona e di Genova in sinergia. l’uomo è stato arrestato con l'accusa di omicidio.



 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca