Cronaca

Veneto, attivati i protocolli di sicurezza

Coronavirus, Ulss 2 Treviso: "Nessun caso sospetto"

Primi due casi accertati di in Italia. Sono due turisti cinesi della provincia di Wuhan ricoverati in isolamento all'ospedale Spallanzani di Roma.
Credits © Alissa Eckert, MS; Dan Higgins, MAM CDC Atlanta Usa Il coronavirus al microscopio elettronico
Il coronavirus al microscopio elettronico
Primi due casi accertati di coronavirus in Italia, sono due turisti cinesi della provincia di Wuhan ricoverati in isolamento all'ospedale Spallanzani di Roma. Secondo fonti di agenzia la coppia, entrata in Italia dall'aeroporto di Milano Malpensa, avrebbe fatto tappa anche a Verona prima di proseguire per la capitale.

Ulss 2 Treviso: "Nessun caso sospetto"
L'Ospedale Ca' Foncello di Treviso smentisce la notizia circolata sui media di due casi sospetti nella Marca. I sanitari hanno però attivato in via precauzionale, nei confronti di un bambino di 4 anni e di un'imprenditrice di 50 anni entrambi italiani di ritorno da un viaggio in Cina il protocollo di sicurezza. Le procedure prevedono, in caso di febbre o tosse, l'isolamento domiciliare per 15 giorni assistiti dal pediatra o medico di base e l'invio del tampone all'Istituto Spallanzani di Roma per accertamenti. Ulteriori misure verranno eventualmente prese solo dopo l'esito degli esami.

Veneto, livello di attenzione alto
In Veneto resta alto il livello di attenzione. Attivati i protocolli di sicurezza all'aeroporto Catullo di Verona mentre a Venezia l'Università Cà Foscari, in linea con direttive del Ministero della Salute, ha sconsigliato a un gruppo di studenti di partire per la Cina per un previsto periodo di studio nell'ambito del Programma Overseas. La rinuncia non comporterà penalizzazioni rispetto ai prossimi bandi. L'università veneziana ha inoltre invitato gli studenti cinesi, che hanno in programma di raggiungere Ca' Foscari per un periodo di studio, a rinunciare al viaggio in questa fase.
Il conservatorio di Rovigo  ha consigliato l'astensione dalle lezioni per 14 giorni dalla data di rientro in Italia a chi arriva dalla Cina. Saltano infine i viaggi studio tra scuole gemellate, come quello programmato dal Liceo Foscarini di Venezia a Tianjin.

E' caccia alle mascherine
In tutto il Veneto, intanto, si è scatenata una caccia alle mascherine anti batteriche. "Nelle farmacie e nei negozi non se ne trovano più", conferma Alberto Fontanesi presidente di Federfarma Veneto.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca