Veneto
13 Aprile 2021 Aggiornato alle 09:44
Politica & Istituzioni

Il messaggio del Presidente del Consiglio

Conte: chiuse le attività commerciali a eccezione dei servizi necessari

“Questo è il momento di compiere un passo in più".
Credits © Facebook Giuseppe Conte
Giuseppe Conte
Alle 21.40 arriva una nuova comunicazione del premier Conte agli italiani, con nuove strette per contrastare il coronavirus. E arriva un nuovo appello ai 60 milioni di italiani: "Tutti insieme possono vincere questa battaglia".

Chiudere tutto quello che non è essenziale
​“Abbiamo tenuto conto di tutti gli interessi. Solo pochi giorni fa vi ho chiesto di cambiare le vostre abitudini di vita, la stragrande maggioranza ha risposto in modo straordinario. Quando ho adottato queste misure ero consapevole che si trattava di un primo passo e che non sarebbe stato l’ultimo. Questo è il momento di compiere un passo in più, quello più importante. Disponiamo anche la chiusura di tutte le attività al dettaglio, al di là dei servizi essenziali: chiudiamo negozi, bar, pub, ristoranti, lasciando la possibilità di fare consegne a domicilio. Chiudiamo anche parrucchieri che non consentono le misure di sicurezza”. 

Garantiti servizi essenziali
Generi alimentari, trasporti e farmacie saranno garantiti. Tra le attività che rimarranno aperte figurano anche gli artigiani, gli idraulici, i meccanici, le pompe di benzina. Aperte anche le edicole e i tabaccai. In funzione anche servizi bancari, postali e assicurativi. Si tratta di servizi essenziali, viene spiegato. 

Non serve correre ad acquistare cibo nei supermercati
"Ribadiamo che abbiamo disposto la chiusura di tutte le attività commerciali e di vendita al dettaglio, ad eccezione dei negozi di generi alimentari, di prima necessità e delle farmacie, delle parafarmacie. Quindi non è necessario fare nessuna corsa per acquistare cibo nei supermercati".  

In vigore fino al 25 marzo
Le nuove misure contro il Coronavirus annunciate saranno in vigore fino al 25 marzo. 

L'Italia sotto gli occhi del mondo
"Tutto il mondo ci guarda, vedono un Paese in difficoltà ma ci apprezzano perché stiamo dando prova di grande vigore. Domani non solo ci guarderanno ancora e ci prenderanno come esempio positivo che è riuscito a vincere questa battaglia".

Arriva il supercommissario
"Nominerò un commissario responsabile per le strutture sanitarie, avrà ampi poteri di deroga, per rafforzare la produzione di attrezzature e sopperire alle carenze, sarà il dottor Domenico Arcuri ad di Invitalia e si coordinerà con Borrelli".

Lavoro agile
"Per le attività produttive va incentivato il più possibile il lavoro agile, incentivate le ferie e i permessi. Le fabbriche potranno continuare a svolgere attività produttive a condizione che assumano protocolli di sicurezza che evitino il contagio. Resta garantito lo svolgimento dei servizi pubblici essenziali, tra cui i trasporti".

Industrie aperte​
"Saranno chiusi i reparti aziendali che non sono indispensabili, le industrie potranno continuare con protocolli che evitino il contagio, con turni, ferie anticipate e altro". "Resta garantito lo svolgimento dei servizi pubblici essenziali, nonché delle attività accessorie. Dobbiamo limitare spostamenti per lavoro, salute o necessità".

Italiani responsabili
"Se saremo tutti a rispettare queste regole usciremo più in fretta dall'emergenza. Il Paese ha bisogno di responsabilità, ha bisogno di ognuno di noi, di 60 milioni di italiani che quotidianamente compiono piccoli e grandi sacrifici. Siamo tutti parte di una medesima comunità e tutti insieme ce la faremo".

Luca Zaia: "Applicheremo le nuove misure con rigore"
"Applicheremo le nuove misure con rigore e andremo quanto prima al confronto con le imprese e col mondo produttivo per verificare e concordare modi di applicazione dei provvedimenti e le conseguenze". Questo il primo commento del presidente della Regione Veneto alle dichiarazioni del presidente Conte.

"In Veneto siamo impegnati h24 nella difficile opera di contenere la diffusione del virus - continua Zaia - Tutti i nostri sforzi vanno in questa direzione. Qualsiasi misura di ulteriore contenimento ci vede dunque assolutamente a favore e la condividiamo. Ma fondamentale, ripeto, è la collaborazione dei cittadini. Non mi stanco di ripetere che la prima e più importante misura resta il rimanere a casa, evitare assembramenti, proteggere coi nostri comportamenti i più deboli e chi ha la salute più fragile della nostra. La miglior cura contro il virus siamo noi stessi col nostro senso civico. Sono certo che i veneti, col loro senso di responsabilità, sapranno essere al nostro fianco quando chiederemo loro di interpretare le norme con la maggiore severità possibile" ha concluso.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Politica & Istituzioni