Veneto
03 Agosto 2021 Aggiornato alle 14:48
Economia & Lavoro

Italia-Croazia: la disfida del 'Prosěk'

Da Zagabria è partita la richiesta alla Commissione Europea per la procedura di riconoscimento della menzione tradizionale del suo 'Prosěk'. Per la Coldiretti, quello croato "è un attacco al prosecco nazionale che è il vino più esportato al mondo"
Credits © Ansa Un calice di Prosecco
Un calice di Prosecco
L'attacco lo affonda la Croazia: da Zagabria è partita la richiesta alla Commissione Europea per la procedura di riconoscimento della menzione tradizionale del suo 'Prosěk'. Nome e suono pressoché identico a quello delle bollicine nazionali più vendute al mondo e polemiche inevitabili. 

Per la Coldiretti, quello croato "è un attacco al Made in Italy
e al prosecco nazionale che è il vino più esportato nel mondo,
ma anche il più imitato". 

All'erta anche il Consorzio Doc: "Non ho dubbi che la questione si risolverà a nostro favore, ma questo rischia di costituire un precedente gravissimo", - dice il Presidente Stefano Zanette, preoccupato per una richiesta che, spiega, - è capace di minare alla radice tutto l'impianto delle Indicazioni geografiche europee". 


Anche la politica è in fermento. Protesta il presidente della Regione Zaia, ma anche gli europarlamentari a Bruxelles, come Paolo De Castro, membro della commissione Agricoltura, con una lettera al commissario all'Agricoltura Wojciechowski: "Non possiamo tollerare che la denominazione protetta 'Prosecco', una delle più emblematiche a livello Ue, diventi oggetto di imitazioni e abusi", scrive. Il suo monito, condiviso anche dalla Docg Conegliano Valdobbiadene. Insomma le bollicine venete sono pronte a dare battaglia. 
watchfolder_TGR_VENETO_WEB_BERTANZON - GUERRA PROSECCO PROSEK.mxf
Il servizio di Maura Bertanzon 

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro