Economia & Lavoro

Veneto, il mondo dell’agricoltura chiede sicurezza contro il Covid

Vaccini per arginare i contagi tra i lavoratori stagionali assunti per qualche mese. Regione e Ulss stanno preparando percorsi ad hoc.
di Alessia Piovesan
Credits © Tgr Veneto Un bracciante
Un bracciante
Per la stagione agricola arrivano in Veneto ottomila lavoratori, la maggior parte di loro proviene dal Nord Africa, dall’Asia e dall’Est Europa. Spesso in mano hanno un permesso di soggiorno temporaneo per lavoro, una tessera sanitaria emessa da altre regioni da cui sono transitati o qualche documento sanitario del proprio paese di origine. Nulla comunque che consenta loro di prenotare in autonomia nel portale della Regione Veneto la propria vaccinazione. Un problema che è necessario risolvere secondo Coldiretti che ha chiesto per loro ad Azienda Zero di promuovere nelle Ulss un percorso speciale.

Nel servizio di Alessia Piovesan le interviste a Marica Mazzaro, referente Coldiretti Cavallino Treporti; Raffaele Scarpa, titolare azienda agricola “La Margherita”; Anna Pupo, responsabile Dipartimento Prevenzione Ulss 4 Veneto Orientale 
watchfolder_TGR_VENETO_WEB_PIOVESAN - AGRICOLTURA E COVID.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Economia & Lavoro