Cronaca

Montecchio Maggiore (VI): ragazza di 21 anni uccisa a colpi di pistola

Alcuni testimoni hanno visto scappare un uomo. Il presunto omicida potrebbe essere un amico della donna. Le indagini vengono condotte dal reparto operativo dei carabinieri
Credits © Andrea Rossini Tgr Veneto Il luogo dell'omicidio a Valdimolino (VI)
Il luogo dell'omicidio a Valdimolino (VI)
L'omicidio nella tarda mattinata di oggi a Valdimolino, frazione di Montecchio Maggiore, nel Vicentino. Alessandra Zorzin, 21 anni, sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola al volto da un uomo che conosceva e che aveva fatto entrare in casa. Al momento dell'omicidio la vittima era sola a casa. Sarebbe stata la stessa Alessandra ad aprire la porta all'assassino, un uomo, secondo quanto trapelato da fonti investigative, di una quarantina d'anni che detiene una pistola per ragioni di lavoro (l'ipotesi è che sia una guardia giurata) e risiede nel padovano. La stessa persona che più e più volte era stata vista entrare in casa.

All'improvviso, secondo la testimonianza di alcuni vicini di casa, tra i due scoppia un litigio. Prima delle urla e poi un rumore secco che li insospettisce. Mentre l'uomo si allontana sulla sua auto, tentano più volte di suonare il campanello. Ma Alessandra non risponde. A quel punto i vicini si decidono a chiamare il compagno, che sta pranzando a casa dei genitori, e che si precipita, chiavi in mano, nell'abitazione. E' lui a trovare la moglie distesa sul letto, ormai morta. La coppia ha una figlia di due anni che fortunatamente, al momento del delitto, si trovava all'asilo.

Le indagini vengono condotte dal reparto operativo dei carabinieri che stanno ricercando una la  persona in fuga.

Nel servizio di Andrea Rossini l'intervista al sindaco di Montecchio Maggiore Gianfranco Trapula

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca