Cronaca

Noventa Vicentina, l'omicidio di Rita Amenze: si cerca l'arma del delitto

Dalle indagini, intanto, emergono numerosi litigi tra i due coniugi e una condanna nei confronti di Pierangelo Pellizzari per violenze ai danni della precedente compagna.
di Davide Calimani
Credits © Tgr Veneto Rita Amenze
Rita Amenze
Pierangelo Pellizzari, l’uomo accusato di aver ucciso la moglie Rita Amenze è rinchiuso nel carcere di Vicenza. Gli investigatori stanno ancora cercando l’arma del delitto di cui l’uomo pare essersi liberato prima di essere catturato. Non ci sarebbero dubbi sulla sua colpevolezza, anche se il 61enne non ha per ora rilasciato alcuna dichiarazione ai magistrati. Dalle indagini, intanto, emergono numerosi litigi tra i due coniugi e una condanna nei confronti dell’uomo per violenze ai danni della precedente compagna.

Una fiaccolata per Rita
Mercoledì 15 settembre si terrà a Villaga nel vicentino, dove risiedeva la coppia, una fiaccolata per ricordare Rita. Sarà anche occasione per promuovere una raccolta fondi per le figlie della donna rimaste in Nigeria.

Femminicidi, orrore senza fine
Dall’inizio dell’anno sono 45 le donne uccise in Italia. Per assistere le donne in difficoltà a Vicenza opera da oltre trent’anni il centro antiviolenza 'Donna chiama donna', che con il tempo registra un aumento di richieste d’aiuto. Oltre all’assistenza il centro punta sulla formazione di ragazzi e ragazze nelle scuole.

Nel servizio di Davide Calimani le interviste a Sonia Bardella, psichiatra, direttivo 'Donna chiama donna'; Chiara Gechelin, psicologa, volontaria 'Donna chiama donna'
watchfolder_TGR_VENETO_WEB_CALIMANI - CENTRI ANTIVIOLENZA.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca