Veneto
07 Dicembre 2021 Aggiornato alle 15:45
Cronaca

Zelarino (VE)

"Venti di guerra, Venti di bufera", un concorso per non dimenticare

Tenere viva tra i più giovani la memoria dei luoghi colpiti dalla Prima Guerra Mondiale e dalla tempesta Vaia. E' stato questo l'intento del Cai del Veneto, con un concorso dedicato ai ragazzi di tutte le scuole della Regione
di Maura Bertanzon
Credits © Tgr Veneto Uno dei disegni vincitori del concorso
Uno dei disegni vincitori del concorso
Le ferite, profonde, sono quelle degli alberi, della natura, dopo la tempesta Vaia, e sono quelle degli uomini, diventate storia ad un secolo dalla Grande Guerra. Prendono forma nei disegni, nei fumetti, negli scritti e nei video realizzati dai ragazzi delle scuole di tutta la Regione per il concorso "Venti di guerra, Venti di bufera", promosso dal Cai del Veneto. Una decina i vincitori, tra singoli e classi, premiati fra la quarantina di scuole partecipanti, dalle primarie alle superiori.

Il Club alpino italiano ha voluto pensare ai più giovani, ma non solo. Grazie a fondi della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione, ha preso forma una mostra di 70 foto. Realizzato anche un libro dedicato all'Altopiano dei Sette Comuni, stravolto da entrambi gli eventi, e un quaderno con 70 percorsi escursionistici. Tutto per non dimenticare.

Nel servizio di Maura Bertanzon, montato da Sergio Fiorenzano, l'intervista a Renato Frigo, presidente Cai Veneto
watchfolder_TGR_VENETO_WEB_BERTANZON PREMIAZIONI CAI ZELARINO.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca