Padova

Vescovana, la nebbia non ferma la protesta contro una mega centrale di biometano

Sindaci e cittadini sono scesi in piazza contro la realizzazione di un impianto da sei megawatt per la trasformazione di liquami e scarti agricoli

Nel servizio di Antonello Profita, montato da Andrea Giorgio, le interviste a Marzio Pattaro, sindaco di Vescovana, Paolo Oppio, sindaco di Villa Estense, Gianni Bregolin, Comitato Lasciateci Respirare

Timori per la salute pubblica, per la fauna, per le attività economiche. Per questo cittadini e sindaci dicono no a una mega centrale da sei megawatt di potenza per trasformare in biometano liquami e scarti agricoli. 

I sospetti

Si parla di barbabietole che peraltro qui non si producono e quindi c'è anche il sospetto che poi si possa bruciare altro. L'impianto dovrebbe sorgere nel comune di Vescovana, ma a manifestare anche i primi cittadini degli altri comuni della bassa padovana, a tutela di un territorio esasperato- ci spiegano. 

L'appello alla Regione

Nonostante la fitta nebbia hanno voluto testimoniare la propria indignazione per un progetto oltretutto finanziato dal Pnrr ma, dicono qui, che la Regione potrebbe ancora bloccare. A chiederlo anche due sindacati: Futuro Agricoltura e Cia