Venezia

Sant'Erasmo, spari contro la casa dei vicini e contro i carabinieri: arrestato

Un 51enne è in carcere per resistenza a pubblico ufficiale, minacce aggravate e porto abusivo di arma in luogo pubblico. Era in stato di alterazione. Oggi l'interrogatorio di garanzia

Sant'Erasmo, spari contro la casa dei vicini e contro i carabinieri: arrestato
Tgr Veneto
Isola di Sant'Erasmo, Laguna Nord di Venezia

Comparirà all'interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari il 51enne, ex guardia giurata residente a Sant'Erasmo, arrestato dopo una lite violenta con i vicini di casa. Verrà deciso se farlo restare in carcere al Santa Maria Maggiore a Venezia o consentirgli una misura meno restrittiva. All'origine del diverbio ci sarebbero dei rumori molesti per lui insopportabili. L'uomo è uscito di casa e ha sparato con un fucile a pallini contro l'abitazione vicina, probabilmente dopo aver bevuto troppo. Nessun ferito, anche, se quando i Carabinieri sono intervenuti, ha sparato una raffica anche contro di loro.

Le accuse

Il sostituto procuratore di turno, il dottor Roberto Piccione, lo ha accusato di resistenza a pubblico ufficiale, minacce aggravate e porto abusivo di arma in luogo pubblico: quel fucile, infatti, poteva detenerlo, ma secondo la procura non portarlo al di fuori della sua abitazione. Durante la perquisizione nella sua abitazione, è stato trovato anche un tirapugni.