Assistenza alle aggredite

Vicenza, 95 Codici rossi in tre mesi: in Questura è stata aperta la prima "aula protetta"

La violenza di genere è in crescita. Per chi trova il coraggio di denunciare c'è uno spazio di ascolto per donne e bambini, gestito da agenti di polizia specializzati

Vicenza, 95 Codici rossi in tre mesi: in Questura è stata aperta la prima "aula protetta"
ANSA
Le scarpette rosse, simbolo della violenza contro le donne

Un'aula per le audizioni protette. E' stata creata nella questura di Vicenza proprio per le persone, in particolare donne, che trovano il coraggio di denunciare violenze e abusi. Il fenomeno è in crescita. Nella città da primo gennaio sono stati trattati 95 casi di Codice rosso e negli stessi tre mesi 39 di stalking e maltrattamenti in famiglia.

L'aula protetta

L'ambiente protetto è stato suddiviso in due zone. La prima si chiama "Una stanza per la tua voce" ed è adibita alle audizioni. Questa stanza di ascolto verrà gestita da operatori specializzati della divisione della polizia anticrimine, della squadra mobile e dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, formati appositamente per mettere il più possibile a loro agio le vittime. La seconda è riservata ai bambini, con giocattoli, libri e disegni. Le donne che denunciano, infatti, arrivano spesso con i loro figli che hanno bisogno di un luogo confortevole e familiare.

Gli strumenti contro il maltrattante

Uno degli strumenti che si possono usare contro il soggetto maltrattante è l'ammonimento del Questore. "E' un avviso ufficiale, che viene fatto al soggetto maltrattante perché determinati comportamenti non si ripetano. Ovviamente, questo ha anche un valore formale perché, nel caso di violazione, è chiaro che si passa a fasi successive e più pesanti», così il Questore del Vicenza Dario Sallustio.