Già colpito nel 2014

Distrutto un ponte a Severodonetsk: ora evacuazioni difficili

Il video

L'esercito russo ha distrutto il ponte tra Severodonetsk e Lysychansk nella regione orientale ucraina di Lugansk, "questo complicherà notevolmente l'evacuazione dei civili e la consegna degli aiuti umanitari", ha scritto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale Sergiy Gaidai, citato dalla Cnn.

Gaidai ha spiegato che è la seconda volta che il ponte viene distrutto, tuttavia per il momento c'è ancora "un collegamento tra le città".

L'esercito russo - ha ricordato - aveva fatto esplodere il ponte mentre si ritirava durante la liberazione di Lysychansk nel luglio 2014. Da allora, le comunicazioni tra le città di Severodonetsk e Lysychansk - entrambe con una popolazione dicirca centomila persone - sono state difficili. Il ponte è stato ricostruito nel 2016.    

"In questi giorni a Severodonetsk, Lysychansk e Belogorovka i bombardamenti non si fermano nemmeno per un'ora. I russi usano l'artiglieria giorno e notte. Ogni vita salvata da questi insediamenti è importante per noi oggi. Quei 57 evacuati sono ora al sicuro e protetti", ha detto Gaidai.  

Ieri il bilancio dei bombardamenti a Severodonetsk era stato di 6 civili uccisi.