L'episodio di qualche giorno fa

Nuova inquadratura video mostra la secchiata di vernice rossa contro l'ambasciatore russo in Polonia

Sergei Andreev si accingeva a deporre una corona di fiori al cimitero dei caduti sovietici nella Seconda Guerra Mondiale

Nuove immagini mostrano la secchiata di vernice rossa contro l'ambasciatore russo Sergei Andreev, aggredito a Varsavia, mentre provava a deporre una corona di fiori nel cimitero dei soldati sovietici. Attivisti intorno gli anno gridato "fascista". Molti indossavano maglie bianche con macchie rosse che indicavano il sangue delle vittime della guerra. Mosca ha protestato con la Polonia per l'attacco e ha accusato le autorità di Varsavia di aver “assecondato, di fatto, i delinquenti neonazisti”. L'attacco “dimostra che l'Occidente ha tracciato la strada per la reincarnazione del fascismo”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. Il ministro degli Esteri polacco Zbigniew Rau ha definito “deplorevole” l'accaduto, mentre il ministro dell'Interno, Mariusz Kaminski, ha detto che le proteste erano “comprensibili”.