Diritto Aborto Usa

Video - La polizia effettua arresti violenti mentre manifestanti pro-choice e pro-life si scontrano

Sei manifestanti nel centro di Greenville, Sud Carolina, sono stati arrestati sabato.

Circa 500 persone hanno partecipato all'evento su Main Street. La polizia afferma di aver cercato di separare i gruppi sui lati opposti della strada, ma nonostante i molteplici avvertimenti, alcuni manifestanti si sono rifiutati di obbedire, secondo il sergente Jonathan Bragg del dipartimento di polizia di Greenville. L'ordinanza sui picchetti della città prevede che i manifestanti rimangano “sui marciapiedi, sui terreni di un parco o piazza controllata dalla città, o in altre aree di proprietà della città o diritti di passaggio normalmente utilizzati o riservati al movimento dei pedoni, e non possono essere condotta sulla porzione di strada adibita prevalentemente alla circolazione veicolare”. L'ordinanza richiede inoltre alle persone di stare fuori dalle aree occupate da altri gruppi non "interferire, ostacolare, ostacolare o intralciare coloro che partecipano all'evento consentito". Dopo che diversi manifestanti hanno iniziato a occupare la strada per confrontarsi, la polizia afferma che è stata presa la decisione di arrestare qualcuno che ha continuato a disobbedire agli agenti dopo diversi avvertimenti. Altri manifestanti, reagendo all'arresto, hanno iniziato a interferire con la polizia a quel punto, ha detto Bragg: “Sei persone sono state arrestate e le accuse vanno da ‘pedoni sulla carreggiata’, ‘interferenza con la polizia’, ‘condotta disordinata’ e 'resistenza all'arresto'”. La manifestazione è stata quindi considerata un'assemblea illegale e gli agenti di polizia hanno disperso entrambi i lati della protesta.