Il ricordo

Addio a Ivana, prima moglie di Trump. Dal comunismo agli Usa, le seconde nozze, la dieta tisanoreica

È morta per arresto cardiaco all'età di 73 anni: imprenditrice, personaggio televisivo e modella, divenuta celebre principalmente per essere stata la prima moglie dell'ex presidente Usa

L'ultimo exploit risale a quattro anni fa, testimonial della nota dieta tisanoreica di un nutrizionista italiano. Ivana Trump, la ex modella cecoslovacca e prima moglie dell'ex presidente Donald Trump, è morta per arresto cardiaco a 73 anni nella sua casa dell'Upper East Side di Manhattan. È stato “The Donald” ad annunciarne la scomparsa su TruthSocial, la piattaforma mediatica da lui creata dopo aver lasciato la Casa Bianca: “Era meravigliosa, bellissima, straordinaria. Il suo orgoglio e la sua gioia erano i tre figli, Donald Jr., Ivanka, and Eric. Riposi in pace”, è il messaggio dell'ex Presidente ricordando la fuga di Ivana oltre la cortina di ferro: “Era scappata dal comunismo e aveva abbracciato questo Paese. Ha insegnato ai suoi figli la grinta e la durezza, la determinazione e la compassione”.

Ivana aveva sposato Trump in seconde nozze: il primo marito, Alfred Winklmayr, era un maestro di sci che le avrebbe fatto ottenere la cittadinanza austriaca per abbandonare la Cecoslovacchia senza una defezione. Dopo un soggiorno in Canada, Ivana si era stabilita negli Usa: nel 1977 il matrimonio con Trump. La coppia facevano a gara nell'essere al centro dell'attenzione dei media, entrambi protagonisti delle élite sociali di New York con lei che forse più del tycoon contribuì a costruire l'immagine del marchio Trump come sinonimo di affari.

Ufficialmente a capo del design negli edifici della Trump Corporation, Ivana aveva cominciato fin da subito a lavorare accanto al marito in una serie di progetti immobiliari di alto profilo tra cui la costruzione della Trump Tower a Manhattan, il casino Trump Taj Mahal Casino Resort a Atlantic City e l'acquisizione per 400 milioni di dollari del Plaza Hotel in Central Park. 

Sposati fino al 1990, la rottura avvenne per una relazione clandestina di Trump con Marla Maples, la bionda soprannominata “la pesca della Georgia”. Da lei ebbe la quarta figlia Tiffany. Il divorzio aveva dato materiale ai tabloid e fatto di Ivana una eroina del “club delle prime mogli”: in una clamorosa testimonianza la donna accusò Donald di averla stuprata anche se successivamente aveva precisato che le sue parole non dovevano essere prese alla lettera. 

Tornata single ha intrapreso numerose iniziative nel settore dell'abbigliamento, gioiellerie e prodotti di bellezza. Non rimase sola a lungo. Nel 1995 sposò posato l'uomo d'affari italiano Riccardo Mazzucchelli, ma il matrimonio fallì dopo due anni e lei presentò una querela per violazione di contratto pari a 15 milioni di dollari per aver ignorato la clausola di riservatezza del contratto prematrimoniale. Celebre poi la love story con un altro italiano, il conte Roffredo Gaetani, titolare della concessionaria Ferrari a Lond Island, morto in un incidente stradale nel 2005. Tra 2008 e 2009, l'ultimo matrimonio con l'attore e modello Rossano Rubicondi: le nozze da 3 milioni di dollari con 400 invitati, furono ospitate da Donald Trump nella tenuta di Mar-a-Lago e la figlia Ivanka Trump fu sua damigella d'onore.