L'intervista

Augias: "Angelo Guglielmi ha cambiato la mia vita e la televisione"

A Rai News 24 Corrado Augias ricorda Angelo Guglielmi, storico direttore di Rai 3 tra il 1987 e il 1994, morto questa notte a 93 anni

“È l’uomo che ha cambiato la mia vita, io ero un giornalista e lui ha pensato che potessi fare la televisione” racconta Augias. 

Guglielmi ha avuto una grande intuizione che ha rivoluzionato il mondo della televisione, racconta Augias: intuì "che la realtà, la cronaca potesse essere una grande fonte d’ispirazione e che la tv potesse diventare lo specchio nel quale la realtà si sarebbe affacciata”. 

La cronaca come uno sceneggiato, è questa l’altra intuizione che nasce da una difficoltà, spiega Augias: “Siccome Rai Tre era la rete più povera e non si poteva permettere gli sceneggiati come Rai Uno", Guglielmi decise che la cronaca del Paese, nel senso più migliore del termine, sarebbe diventata la nostra fonte per gli sceneggiati e così nacquero programmi come Un giorno in pretura, Chi l’ha visto, Samarcanda, Blob, Avanzi, Quelli che il calcio, alcuni di questi ancora in onda dal 1987

 "La televisione includeva nella programmazione un pezzo di realtà vissuta del Paese che fino a quel momento non era mai comparsa”, conclude Augias.