Le armi della guerra

Camion ucraino con a bordo un obice distrutto dal drone russo Zala Lancet

Lo Zala Lancet 3 è una "loitering munition", ovvero un sistema d'arma, in cui la munizione è un drone armato che sorvola una zona, attendendo, in cerca dell'obiettivo, per poi attaccare solo una volta che quest'ultimo è stato localizzato

Il Zala Lancet 3 ha un raggio d’azione di 40km, carico bellico di 3 kg, peso al decollo di 12kg, 40 minuti di autonomia, mantenendo inalterata, dalla versione precedente, la velocità di crociera tra 80 e 110km/h. Questo sistema d’arma, definito anche “Kalashnikov volante”, è stato sviluppato non solo per il ruolo tradizionale di eliminazione mirata di obiettivi sensibili al suolo, dove secondo fonti dell’azienda sarebbe già stato sperimentato con una dozzina di successi in Siria, ma anche, secondo quanto mostrato dall’azienda, con capacità antidrone in particolare contro il TB2 Bayraktar, fonte di grande preoccupazione per Mosca.