Israele

L'invasione delle meduse, ad Haifa la barca è circondata di puntini bianchi

Le meduse, che prosperano a temperature più elevate, hanno di fatto bandito i bagnanti e lanciato avvertimenti sui pericoli dello squilibrio ecologico dovuto al cambiamento climatico

Quello che potrebbe apparire come un fenomeno gradito all'occhio in realtà è un problema. Oltre a scoraggiare i bagnanti, le meduse costano a Israele circa 10 milioni di dollari l'anno in turismo perduto. Questo perché gli invertebrati traslucidi intasano gli impianti di desalinizzazione e le reti da pesca industriali. “L'acqua diventa sempre più calda e le meduse crescono”, spiegano i ranger dell'agenzia governativa Israel Nature and Parks Authority. Inoltre le meduse prosperano a temperature più elevate e competono per cibo e habitat con altre forme di vita marina. Ci sono inoltre due fattori che contribuiscono alla loro proliferazione e sono: la pesca eccessiva e la presenza al largo di fertilizzanti agricoli. Ad oggi nel Canale di Suez si contano 17 tipi di meduse, la maggior parte delle quali non velenose.