Non solo 8 marzo

Le quote verdi

Rosi Sgaravatti è la prima donna a guidare Assoverde anche se il traguardo lo attribuisce alle competenze, meno al genere

Friulana di nascita, sarda di adozione, Rosi Sgaravatti è un’imprenditrice illuminata e appassionata. Guida un’azienda florovivaistica nata a Padova 40 anni prima dell’Unitá d’Italia che ha introdotto il concetto di giardino borghese, alla portata di tutti, benché fornitrice esclusiva di regnanti, pontefici e industriale. 

L’opera più coinvolgente è stata la realizzazione della Costa Smeralda, tanto da determinare il trasferimento definitivo sull’isola. 

Cavaliere del Lavoro di recente nomina, Rosi Sgaravatti è la prima donna a guidare Assoverde anche  se il traguardo lo attribuisce alle competenze, meno al genere. Affiancata da ingegneri, architetti e botanici, collabora con l’Universitá di Cagliari a progetti di bonifica ambientale.

Il suo fiore preferito? L’hibiscus, senza dubbio: coltiva 247 varietà in una delle più note e pregiate collezioni del mondo.  

Sostiene le competenze delle persone, si batte per ‘quote verdi’ per tutti