1972 – 2022 Cinquantenario del ritrovamento dei Bronzi di Riace

Chi erano i Bronzi? Le ipotesi degli studiosi

A 50 anni dalla loro scoperta per la regione Calabria quella del 2022 sarà l’estate più lunga di sempre. Ma chi sono i due guerrieri nascosti per secoli sul fondo del mar Ionio?

A cinquanta anni dal loro ritrovamento, i Bronzi di Riace sono ancora avvolti nel mistero. Ma negli anni sono stati raccolti indizi che permettono di giungere a una conclusione: la loro storia ha a che fare con quella dei Sette contro Tebe e delle statue del gruppo dei "Fratricidi". Nell'iconografia antica, la "nudità eroica" in cui vengono mostrati i Bronzi identificava dei ed eroi. Ecco, quindi, che abbiamo un indizio su chi fossero i Bronzi: due eroi. Il loro status di guerrieri è infatti indicato dalla presenza di elmi, scudi e lance. Le statue rappresentano degli opliti, con armi tipiche della metà del V secolo a.C.

Gli storici hanno individuato similitudini con il gruppo statuario dei "Fratricidi" di Pitagora di Reggio. Nel gruppo statuario, la madre di Eteocle e Polinice occupa il centro della scena nel tentativo di fermare il duello dei figli. Il Bronzo A ha un'espressione aggressiva, non diversa da quella di uno dei due fratelli, da sempre rappresentato in questo modo. I Bronzi si possono, quindi, identificare come Eteocle e Polinice, del gruppo dei "Fratricidi", nel momento in cui la madre tenta di impedirne la morte.

Eteocle e Polinice, figli di Edipo, si contendono il trono di Tebe. Il primo accordo tra i fratelli prevede un regno condiviso, ma successivamente Eteocle condanna all'esilio il fratello. Polinice arriva, poi, nella città di Argo, dove sposa Argia, figlia del re della polis, Adrasto, che lo appoggia nella riconquista di Tebe. Inizia così l'epopea dei Sette contro Tebe, una serie di lotte destinate a concludersi con la generazione successiva degli Epigoni.

I Bronzi di Riace forse sono stati realizzati ad Argo e in seguito trasportati nella Roma imperiale per un restauro. Da quel momento sembrano sparire dall'immaginario collettivo fino al loro ritrovamento. L'archeometria ha permesso di seguire la storia dei Bronzi dalla loro realizzazione ad Argo, nel Peloponneso, passando per il loro trasporto nella Roma imperiale, fino al loro restauro e alla lunga esposizione al pubblico romano.

Il restauro imperiale ha dovuto sostituire il braccio destro e l'avambraccio sinistro del Bronzo B, effettuando un calco degli originali e provvedendo a una nuova fusione, per poi saldare al torso le nuove membra. Per celare questa operazione, i Bronzi furono dipinti di nero lucido, le cui tracce si notano ancora oggi.

I Bronzi erano molto noti a Roma nel I secolo d.C., eppure dal IV secolo d.C. sembrano sparire dall'immaginario romano. Lo studio di una parte di anfora Athenian 273, trovata incastrata tra il polso destro e l'anca destra del Bronzo A, ci permette di formulare un'ipotesi. Il libro dell'Antologia Palatina riporta la descrizione delle statue del ginnasio pubblico di Costantinopoli, detto di Zeuxippos, che erano state trasportate da Roma antica alla Nuova Roma da Costantino e da suo figlio Costanzo II. Queste, tra cui dovrebbero figurare i Bronzi, furono imbarcate per raggiungere Costantinopoli, ma la nave dovette andare incontro a un naufragio di fronte a Riace. Il viaggio dei Bronzi di Riace potrebbe non essere finito. Numerose sono le ricerche e le analisi portate avanti dal loro ritrovamento ad oggi.