Nei pressi di una grande miniera di rame

Enorme voragine profonda 200 metri si apre in Cile: mistero sulle cause

Una gigantesca apertura nel terreno dal diametro di circa 25 metri è apparsa durante lo scorso fine settimana in un’area mineraria nella regione della Tierra Amarilla, a circa 665 chilometri a nord dalla capitale Santiago

Una misteriosa ed enorme voragine dal diametro di circa 25 metri è apparsa durante il fine settimana in un’area mineraria nella regione della Tierra Amarilla, ad Atacama, in Cile.

L’enorme burrone si è aperto nel sito di Alcaparrosa che fa parte di una grande miniera di rame gestita dalla società canadese Lundin Mining, a circa 665 chilometri a nord dalla capitale Santiago. 

Il Servizio nazionale di geologia e miniere (Sernageomin) è venuto a conoscenza della dolina sabato 30 luglio, ed ha subito inviato personale specializzato nell’area, come affermato dal direttore dell’agenzia David Montenegro in una nota stampa. 

Montenegro ha precisato che la voragine ha una profondità di quasi 200 metri e che non sono stati rilevati materiali al suo interno. 

Il Servizio nazionale di geologia ha segnalato la chiusura delle aree di ingresso alla miniera di Alcaparrosa.

Intanto Lundin Mining ha fatto sapere che la miniera è tenuta costantemente sotto controllo e sono stati sospesi i lavori, ma che comunque da quando si è formata la voragine non sono stati segnalati movimenti sospetti del terreno.