Regno Unito

Mamma di Archie rassegnata, chiede il trasferimento del figlio in hospice per una "morte più degna"

È questione di ore per l'attuazione del via libera a staccare la spina al 12enne in stato vegetativo da aprile

Hollie Dance, la mamma del piccolo Archie Battersbee, in coma da mesi al London Royal Hospital e per il quale è stata ordinata l'interruzione del supporto vitale, racconta che vi sarebbero state strutture messe a sua disposizione "in Paesi come Italia e Giappone" per continuare a garantire sostegno al bambino.

 La donna ha affermato che la battaglia legale per rinviare lo stop al sostegno vitale che tiene in vita il figlio è "giunta al termine" ed è rassegnata all'epilogo dopo che ieri anche la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo ha respinto il ricorso della famiglia e si è dichiarata incompetente a intervenire rispetto a quanto stabilito dalla giustizia britannica. La madre tenta comunque di insistere, almeno per ottenere il trasferimento di Archie all'interno di un hospice in cui possa ottenere una "morte più degna".