Ucciso con i droni a Kabul

La morte di Al Zawahiri, la lunga scia di sangue: 3mila morti e la taglia da $25 milioni

Il chirurgo egiziano ha contribuito a coordinare gli attacchi dell'undici settembre 2001

Una lunga lista di condanne pendeva sulla testa del leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri, ucciso in un attacco di droni della CIA in Afghanistan. Chirurgo, predicatore, gli Usa avevano fissato una taglia di 25 milioni di dollari. È considerato la mente di numerosi attacchi terroristici. A cominciare dall'undici settembre 2001 con gli attacchi in diretta alle Twin Towers. Si ritiene inoltre che Zawahiri, con altri membri anziani di al Qaeda, abbia pianificato l'attacco del 12 ottobre 2000 alla nave da guerra USS Cole in Yemen, che provocò la morte di 17 marinai statunitensi. Negli Stati Uniti è stato incriminato per il suo ruolo negli attentati del 7 agosto 1998 alle ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania, che provocarono la morte di 224 persone e ferito più di altre 5 mila.