Il video della Tgr lazio

"Immagini raccapriccianti dell'omicidio", le parole del giudice che ha interrogato il killer di Roma

Interrogatorio di garanzia per Giandavide de Pau, accusato di aver ucciso tre donne a Roma nel quartiere Prati, secondo il Pm nel suo cellulare trovati i video degli omicidi in diretta. Convalidato il fermo

“Violento e senza freni inibitori”. Giandavide De Pau si è filmato con il telefono mentre uccideva le due donne cinesi in via Riboty, nel quartiere Prati a Roma. 

I video di 14 e 42 minuti sono stati trovati nel suo smartphone. Prove definite dai giudici “raccapriccianti”, contenute nelle ventuno pagine dell'ordinanza del giudice per le indagini preliminari che ha disposto il carcere per il 51enne. 

Nell'interrogatorio di garanzia De Pau non ha risposto alle domande del magistrato. “Non sa, è ancora confuso”, ha detto il suo difensore, Alessandro De Federicis. Di parere diverso il giudice. De Pau era “pienamente consapevole - si legge ancora nell'ordinanza - dei fatti commessi ai danni delle tre donne”. Tre omicidi in un'ora. Prima Li Yan Rong, 55 anni e Yang Yun Xia, e, infine in via Durazzo - così sostiene la procura - Marta Castano Torres. Poi la fuga. Prima della telefonata della sorella ai carabinieri: parlava di donne uccise, di sangue, di coltelli - dice ai carabinieri Francesca De Pau. Una chiamata decisiva per fermare il killer di Prati.