Il video dello scontro tra il jet russo e il drone Usa sopra il Mar Nero

Il caccia vira improvvisamente verso l'alto, con la scia del motore che aumenta vistosamente. La marina di Mosca cerca di recuperare il relitto

Il Pentagono ha diffuso questo filmato di quanto avvenuto martedì 14 marzo nello spazio aereo internazionale sopra il Mar Nero tra un caccia Su-27 russo e un drone da ricognizione statunitense. Il video di 42 secondi mostra l'aereo russo avvicinarsi da dietro al drone e espellere carburante durante il passaggio, in quello che i vertici militari americani descrivono come un tentativo di mettere fuori uso gli strumenti ottici del veicolo senza pilota, e poi impattarne l'elica. 

Le immagini non mostrano gli eventi precedenti né successivi. A conferma della gravità dell'episodio, il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il capo di Stato maggiore Mark Milley hanno avuto un colloquio con gli omologhi russu, Sergei Shoigu e  Valery Gerasimov, il primo dallo scorso ottobre.mercoledì sono state le prime da ottobre. Mosca ha accusato gli Stati Uniti di aver provocato l'incidente ignorando le restrizioni ai voli imposte dal Cremlino in relazione alle operazioni militari in Ucraina. Shoigu ha anche parlato di "intensificazione delle attività di intelligence contro gli interessi della Federazione Russa" nell'area del Mar Nero, avvertendo che la Russia "risponderà allo stesso modo a tutte le provocazioni"

Intanto la marina russa ha raggiunto il luogo in cui sono precipitati i resti del drone, per tentarne di recuperare il relitto. Lo riferiscono sia la Cnn citando due funzionari statunitensi sia le autorità militari ucraine. 

La Marina russa ha diverse navi nel Mar Nero, comprese unità con base nei porti della Crimea, il che le ha poste in una posizione vantaggiosa per tentare di recuperare il drone americano. Il velivolo è caduto in acque internazionali, a circa 70 miglia a Sud-Ovest della Crimea, ha detto uno dei funzionari Usa.

Secondo fonti dell'intelligence statunitense - riporta l'emittente Nbc news - "L'obiettivo era far deviare il drone dalla rotta o disabilitare le sue capacità di sorveglianza - così gli 007 Usa - i Jet russi, avrebbero sganciato carburante sul MQ-9 Reaper, durante un'azione senza precedenti". Due dei funzionari hanno affermato che l'intelligence suggerisce che l'intento sembrava essere quello di far deviare il drone dalla rotta o disabilitare le sue capacità di sorveglianza. Era "l'intenzione della leadership russa di essere aggressiva nell'intercettazione", ha detto uno dei funzionari che ha affermato di non aver ricevuto indicazioni che l'approvazione sia arrivata fino a Putin. Altri funzionari hanno rifiutato di fornire dettagli oltre i "livelli più alti". Secondo le fonti di Nbc News il jet russo ha tagliato l'elica del drone - cosa che secondo gli Stati Uniti è avvenuta e la Russia nega - ma probabilmente questo non è stato intenzionale, hanno detto i funzionari, che credono si sia trattato di un errore del pilota, sulla base del video statunitense dell'incidente.