Chi paga il prezzo della guerra

Gaza, la pietà e la polvere

Tra le rovine di Deir al-Balah vita e morte si intrecciano ogni giorno. Nelle immagini di una tv cinese, lo sforzo per liberare i sopravvissuti di un bombardamento dalle macerie, la corsa disperata verso ospedali allo stremo

Dopo 18 giorni di bombardamenti israeliani, la popolazione civile di Gaza è allo stremo: i morti sono più di 5000, interi quartieri sono stati rasi al suolo, i presidi sanitari non possono far fronte all'enorme numero di feriti - più di 15mila, metà dei residenti è sfollata o ha perso la casa. 

Le immagini girate a Deir al-Balah sabato 21 ottobre dalla CGTN, un canale all-news cinese, mostrano il livello della distruzione e lo sforzo drammatico per salvare i superstiti intrappolati fra le macerie delle case.