Israele

Eilat, suona la sirena e la gente cerca riparo in un negozio al piano seminterrato

La corsa per mettersi al sicuro. Dopo la caduta di un drone su una scuola, la città portuale teme sia gli attacchi dalla Siria sia dallo Yemen

Suona la sirena e la gente fugge cercando un riparo sicuro, meglio un seminterrato. Scene già viste nelle città vicine a Gaza meno nei territori più distanti come Eilat, sul Mar Rosso. Con l'inasprimento del conflitto, anche qui c'è molta paura per il movimento Huthi, attivo nello Yemen, che nei giorni scorsi ha dichiarato di aver lanciato missili balistici verso la città portuale. Ma gli attacchi arrivano anche da altri Paesi come la Siria. Come il drone proveniente dal territorio siriano che ha colpito una scuola locale. Le forze di difesa israeliane hanno affermato in un comunicato che “il regime siriano è completamente responsabile di tutte le attività terroristiche che hanno luogo sul suo territorio e che risponderà con la forza a qualsiasi tentativo di attaccare Israele” senza però specificare quale organizzazione abbia lanciato il drone.