Grandi incendi stanno devastando l'Amazzonia boliviana, strage di animali - Video

Manifestazioni nella capitale La Paz: "La nostra madre terra sta morendo. La fauna e la flora stanno scomparendo. Deve essere dichiarata l'emergenza nazionale"

Da giorni l'Amazzonia boliviana è alle prese con gravi incendi, che ormai hanno raggiunto le comunità indigene, le riserve naturali e ucciso decine di animali, tra cervi, tapiri, varie specie di roditori e di uccelli, intossicati dal monossido di carbonio. Nel villaggio di Bibosi, a Rurrenabaque, nel nord-ovest della Bolivia, vigili del fuoco e volontari stanno combattendo le fiamme con manichette dell'acqua e secchi di plastica, ma la siccità degli ultimi mesi ha ridotto la portata dei fiumi, complicando le cose. Secondo l'ultimo rapporto del ministero dell'Ambiente boliviano, a novembre sono stati rilevati oltre 96.686 focolai di incendio. Ieri nella capitale La Paz c'è stata una manifestazione ambientalista: “Milioni di animali stanno morendo. La nostra madre terra sta morendo. La nostra vegetazione, la fauna e la flora stanno scomparendo. I pompieri non riescono a spegnere le fiamme. Vogliamo che venga dichiarata l'emergenza nazionale perché vogliamo che la nostra terra sia sicura”, reclama Nataly Zamora, una manifestante.