La protesta

Torino, bruciata una bandiera di Israele in Piazza Castello al termine del corteo degli studenti

Tensioni con le forze dell'ordine quando il corteo ha deviato dal percorso prestabilito

Con la bandiera di Israele data alle fiamme in piazza Castello al grido di 'Free Palestine' si è conclusa la manifestazione degli studenti scesi in piazza questa mattina a Torino per protestare contro la riforma della scuola del governo e a sostegno del popolo palestinese. Il corteo, nell'ambito della mobilitazione promossa in tutta Italia dal Fronte della Gioventù Comunista, e a cui è aggiunto uno spezzone arrivato da Palazzo Nuovo occupato, è partito in mattinata da piazza XVIII Dicembre e percorso le vie della città.

Qualche momento di tensione si è registrato quando i manifestanti hanno cercato di deviare il percorso autorizzato. I manifestanti hanno lanciato alcuni oggetti all'indirizzo delle forze dell'ordine che hanno risposto con una carica di alleggerimento. Nel corso del corteo è stato strappato un manifesto dell'assessore regionale alle Politiche sociali, Maurizio Marrone, mentre un cartonato raffigurante il premier italiano Meloni e quello israeliano Netanyahu, nell'atto di stringersi la mano sono stati prima imbrattati di vernice rossa e poi posizionati ai piedi della statua dedicata a Vittorio Emanuele II. Alcune uova sono state lanciate contro la sede dell'Ufficio scolastico regionale del Piemonte.