500mila miliardi di volte più brillante della nostra stella

Scoperto un quasar da record: il buco nero che lo alimenta cresce “divorando” un Sole al giorno

Il quasar J0529-4351 è l’oggetto più luminoso mai osservato finora nell’Universo conosciuto

Grazie al Very Large Telescope (VLT) dell'ESO (European Southern Observatory), gli astronomi hanno individuato il quasar più luminoso mai visto. 

Non solo, secondo gli scienziati che hanno condotto la ricerca si tratta in generale dell’oggetto più brillante mai osservato finora nell’Universo conosciuto

Il quasar, chiamato J0529-4351, è così lontano dalla Terra che la sua luce ha impiegato oltre 12 miliardi di anni per arrivare fino a noi.

I quasar sono i nuclei luminosi di galassie lontane e sono alimentati da buchi neri supermassicci che raccolgono materia dall'ambiente circostante in un processo che sprigiona tanta energia da emettere grandi quantità di luce. Bagliori cosmici nello spazio profondo tanto potenti da essere visibili dal nostro pianeta. J0529-4351 emette così tanta energia da risultare 500mila miliardi di volte più luminoso della nostra stella.

La massa del buco nero che alimenta questo quasar si espande “divorando” l’equivalente di un Sole al giorno. Una crescita record, la più rapida finora registrata.

"Abbiamo scoperto il buco nero con la crescita più rapida conosciuta finora. Ha una massa di 17 miliardi di Soli e consuma poco più di un Sole al giorno. Questo lo rende l'oggetto più luminoso dell'Universo conosciuto", spiega Christian Wolf, astronomo dell'Australian National University (ANU) e autore principale dello studio pubblicato su Nature Astronomy

Una scoperta che ha colto di sorpresa gli stessi ricercatori perché, apparentemente, questo gigantesco quasar si nascondeva in bella vista: "È sorprendente che sia rimasto ignoto fino ad oggi che conosciamo già un milione di quasar meno impressionanti. Era letteralmente davanti ai nostri occhi", dice Christopher Onken, astronomo dell'ANU e co-autore dello studio.