La terza missione dall'inizio delle operazioni

Arrivato a Ciampino il C-130 dell'Aeronautica militare con a bordo civili provenienti da Gaza

Ai passeggeri di oggi, in prevalenza parenti di connazionali o palestinesi residenti in Italia, si sono aggiunti, dopo una complessa operazione di mediazione, due volontari feriti della Mezzaluna Rossa di Gaza

E' atterrato all'aeroporto militare di Ciampino un velivolo C-130 dell'Aeronautica militare con a bordo civili bisognosi di assistenza sanitaria provenienti dalla Striscia di Gaza. Il volo - il terzo dall'inizio delle operazioni - è stato organizzato dall'Unità di Crisi della Farnesina e dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI). L'operazione odierna si inserisce nel quadro delle precedenti evacuazioni sanitarie realizzate sotto l'impulso del vicepresidente del Consiglio e ministro degli Affari esteri Antonio Tajani e del ministro della Difesa Guido Crosetto. Operazioni che grazie al dispiegamento della nave della Marina Militare "Vulcano" e dei mezzi dell'Aeronautica hanno consentito sinora il trasferimento di 85 civili palestinesi, ospitati in strutture sanitarie italiane assieme ai loro accompagnatori grazie all'azione dei ministeri dell'Interno e della Salute. Ai civili evacuati oggi, in prevalenza parenti di connazionali o Palestinesi residenti in Italia, si sono aggiunti, dopo una complessa operazione di mediazione, due volontari feriti della Mezzaluna Rossa di Gaza, che la Regione Lazio ha offerto di ricoverare presso le strutture sanitarie locali su richiesta del Presidente della Mezzaluna Rossa. A bordo, in totale, 45 persone. Sin dalla giornata di sabato, il personale dell'Unità di Crisi della Farnesina ha seguito in Egitto le operazioni di preparazione e imbarco del volo umanitario. All'arrivo a Ciampino erano presenti il Presidente della Regione Lazio Francesco Rocca e il Comandante del COVI, Gen. Francesco Paolo Figliuolo.

Il Ministro della Difesa Guido Crosetto, costantemente informato sullo svolgimento dell'operazione, ha dichiarato che "l'Italia sta facendo e continuerà a fare tutto il possibile, per alleviare le sofferenze della popolazione civile. Ancora una volta la Difesa ha dato dimostrazione di professionalità, competenza e grande umanità. Per questo motivo voglio ringraziare il personale  militare che, assieme a quello del MAECI, ha operato nel posto avanzato di coordinamento in Egitto".

"Prosegue l'impegno dell'Italia per dare soccorso ai feriti provenienti da Gaza. Altri 14 bambini e 8 adulti con 23 accompagnatori saranno accolti e curati nei nostri ospedali. Dal Santobono di Napoli, al Meyer di Firenze, dal Gaslini di Genova, al Sant'Andrea di Roma, al Niguarda di Milano, al Rizzoli di Bologna e al Bambino Gesù di Roma, tutto il nostro personale presterà le cure necessarie ai pazienti. Alle strutture e al personale medico e paramedico, va il mio ringraziamento per il qualificato contributo nell'attuazione della missione umanitaria voluta dal Governo e dal Parlamento. Una missione che sta a testimoniare ancora una volta l'impegno concreto dell'Italia a sostegno della popolazione civile". È quanto dichiara il Ministro della Salute, Orazio Schillaci.