All'inizio del mese una nave Open Arms ha inaugurato la rotta marittima

Convoglio di tre navi è partito da Larnaca, Cipro, con 400 tonnellate di cibo e altri rifornimenti

A bordo anche datteri, che tradizionalmente vengono mangiati per rompere il digiuno quotidiano durante il mese sacro del Ramadan

Un convoglio di tre navi è partito da Larnaca, Cipro, con 400 tonnellate di cibo e altri rifornimenti per Gaza, mentre sale la preoccupazione per la carestia nel territorio.

World Central Kitchen ha dichiarato che le navi e una chiatta trasportano prodotti pronti per il consumo come riso, pasta, farina, legumi, verdure in scatola e proteine, sufficienti per preparare più di 1 milione di pasti.

A bordo anche datteri, che tradizionalmente vengono mangiati per rompere il digiuno quotidiano durante il mese sacro del Ramadan.

Non è chiaro quando le navi raggiungeranno Gaza. All'inizio del mese una nave Open Arms ha inaugurato la rotta marittima diretta verso il territorio palestinese con 200 tonnellate di cibo, acqua e altri aiuti.

Le Nazioni Unite e i partner hanno avvertito che nella devastata Gaza settentrionale, in gran parte isolata, potrebbe verificarsi una carestia già questo mese.

I funzionari umanitari affermano che le consegne via mare e via aerea non sono sufficienti e che Israele deve consentire un numero maggiore di aiuti su strada. Il massimo tribunale delle Nazioni Unite ha ordinato a Israele di aprire più passaggi terrestri e di adottare altre misure per affrontare la crisi umanitaria.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno accolto con favore la formazione di un nuovo governo di autonomia palestinese, segnalando di accettare la revisione del Gabinetto come un passo verso la riforma politica.

L'amministrazione Biden ha chiesto di "rivitalizzare" l'Autorità palestinese con sede in Cisgiordania, nella speranza che possa amministrare anche la Striscia di Gaza una volta terminata la guerra tra Israele e Hamas. L'Autorità è guidata dal Presidente palestinese Mahmoud Abbas, che all'inizio del mese ha nominato primo ministro Mohammad Mustafa, economista di formazione statunitense.

Ma sia Israele che Hamas - che ha cacciato le forze di sicurezza di Abbas da Gaza in una presa di potere del 2007 - rifiutano l'idea che l'autorità amministri Gaza, e Hamas respinge la formazione del nuovo governo palestinese come illegittima. L'Autorità ha anche poco sostegno popolare o legittimità tra i palestinesi a causa della sua cooperazione di sicurezza con Israele in Cisgiordania.