La storia

Il gesto dell'immunologa Antonella Viola: ha accolto una famiglia costretta a vivere in auto

"Mio marito e io li abbiamo tolti dalla strada"

Assieme al marito, in modo riservato, aveva dato casa a una famiglia bisognosa, con bambini, che prima era costretta a dormire in auto, non trovando niente da affittare. L'immunologa Antonella Viola aveva mantenuto finora il riserbo, ma ha deciso di raccontare tutto dopo che di quel gesto di solidarietà - pare per un equivoco nella comunicazione - si erano presi il merito altri. Invece erano stati Viola ed il consorte a rispondere all'appello di Asma e Nadir, una coppia di tunisini con due bambini piccoli, che l'autunno scorso si erano ritrovati a dormire in macchina perchè nessuno voleva dare loro un appartamento in affitto, nonostante Nadir avesse un regolare stipendio. 

Prima li avevano accolti nella propria casa, per circa un mese, in attesa di una soluzione stabile. Poi avevano acquistato per Asma e Nadir un alloggio in provincia di Padova - una casetta su due piani con un piccolo giardino - che hanno dato loro in affitto a un prezzo equo.