La presentazione al Museo d'Orsay

Parigi 2024, svelati i manifesti ufficiali dei Giochi Olimpici e Paralimpici

Un tripudio di colori e un'infinità di dettagli per celebrare i Giochi e la Ville Lumière che si appresta a ospitarli

La torre Eiffel che spunta dallo Stade de France come la gigantesca candelina da una torta, un atleta pronto a tuffarsi dalla piattaforma con le braccia aperte su cui si è posata la colomba della pace e poi Les Invalides, l'Arco di Trionfo e Versailles, i cui splendidi giardini ospiteranno le gare di equitazione e pentathlon. 

I manifesti ufficiali dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024 sono stati svelati lunedì al Museo d'Orsay alla presenza del responsabile del design dell'evento Joachim Roncin e dell'artista che li ha realizzati, Ugo Gattoni.

Un dittico (i due poster compongono un’unica scena messi uno accanto all’altro) in cui brulicano 40.000 personaggi, 29 sport olimpici e 18 paralimpici, compresi gli ultimi arrivati come l'arrampicata, la breaking e il surf e dove lo sguardo può perdersi fra i mille intricati dettagli, tutti realizzati a mano dall’illustratore.

Per creare questo universo fantastico in cui i monumenti della capitale francese definiscono il perimetro di una surreale arena sportiva, Ugo Gattoni ha lavorato per 2.000 ore, senza l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale: “Ci ho dedicato 4 mesi e sono stati 4 mesi molto, molto intensi, è stata un po' come la mia Olimpiade!".

I poster sono anche un omaggio al passato della Ville Lumière e al suo stile art déco.

"È lo stile art déco", ha detto Roncin. "Volevo qualcosa di molto sgargiante, molto ricco, molto colorato. È tipico di Parigi, quando si vedono i vari stili dei ristoranti, si nota lo stile art déco e gli ingressi della metropolitana, dove si trova lo stile art nouveau".

Non è una coincidenza che si respiri questa atmosfera visto che questi Giochi segnano il centenario delle Olimpiadi del 1924 a Parigi.