La paura in Europa dopo l'attacco terroristico a Mosca

Macron: "Pronti a collaborare con la Russia per la lotta al terrorismo"

Macron precisa che i servizi francesi hanno sventato 50 attacchi dal 2017 da parte del ramo dell'Isis responsabile della carneficina a Mosca. Primo ministro francese: "la minaccia è seria" e schiera altri 4000 uomini sul territorio

L'Isis "ha effettuato diversi attentati sul nostro territorio negli ultimi mesi". Questo gruppo "ha tentato più volte di toccare il suolo francese". Lo ha sottolineato il presidente francese Emmanuel Macron durante la sua seconda visita come capo dello Stato nel territorio d'oltremare della Guyana. Di conseguenza, ha spiegato l'inquilino dell'Eliseo, "a titolo precauzionale, ma basandoci su elementi credibili e solidi" il livello del piano per la prevenzione degli atti terroristici è stato portato a un grado più alto. Il primo ministro francese Attal ha mobilitato altri 4000 uomini sul territorio nazionale.

 Il presidente francese ha espresso l'auspicio che i colpevoli della strage del Crocus vengano "identificati il più presto possibile" e ha invitato la comunità internazionale a continuare a "lottare efficacemente contro questi gruppi che si stanno proiettando in diversi paesi", promettendo "una maggiore cooperazione" anche con la Russia su questo tema. Macron ha espresso il suo "sostegno e solidarietà al popolo russo" e ha avuto "un pensiero per tutte le vittime, le loro famiglie e per tutti i feriti. Sappiamo quanto profondamente ciò ferisca un Paese".