La moschea di Al-Aqsa è il terzo sito più sacro dell'Islam

Ramadan: i palestinesi partecipano alle preghiere in uno dei principali luoghi santi di Gerusalemme

Il Primo Ministro israeliano Netanyahu ha dichiarato che lo stesso numero di persone dell'anno scorso sarà autorizzato ad entrare nel complesso della moschea di Al-Aqsa

I palestinesi del territorio non hanno potuto visitare Gerusalemme a causa delle restrizioni di viaggio imposte dal governo israeliano subito dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre.

La notizia è stata confermata dal COGAT, l'organismo militare israeliano responsabile degli affari civili palestinesi. Shani Sasson, portavoce del COGAT, non ha fornito dettagli sulle restrizioni che rimarranno in vigore.

Secondo le autorità israeliane, nel 2023 oltre 289.000 palestinesi della Cisgiordania hanno visitato Gerusalemme per le preghiere del Ramadan.

La moschea di Al-Aqsa è il terzo sito più sacro dell'Islam e gli ebrei considerano il complesso il sito più sacro dell'ebraismo, il biblico Monte del Tempio.

All'inizio della settimana, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che lo stesso numero di persone dell'anno scorso sarà autorizzato ad entrare nel complesso della moschea di Al-Aqsa per pregare durante la prima settimana di Ramadan.