8 marzo in sport

Silvia Salis: "Alle Olimpiadi la perfetta parità di genere. Ma solo lì"

Parla la vice presidente del Coni tra il lavoro che non c'è e la necessità di creare tecnici e dirigenti al femminile. "Una esigenza reale per il nostro futuro. Dobbiamo sensibilizzare le nuove generazioni"

Pochi dubbi per il numero 2 del Comitato Olimpico: il mondo dello sport in tema di parità di genere in Italia ha fatto grandi passi in avanti negli ultimi decenni ma ancora mancano all'appello tecnici e dirigenti. Sottolinea come l'Italia sia il fanalino di coda d'Europa in tema di occupazione al femminile. Silvia Salis, ex atleta olimpica, moglie e ora madre, ha vissuto l'intera ‘filiera’ della carriera sportiva e non solo. “Ma arrendersi in caso di difficoltà perché gli obiettivi da raggiungere sono decisivamente importanti e il ruolo di noi donne è determinante”