Le stime preliminari

Istat: 5,7 milioni di persone in povertà assoluta nel 2023

I numeri parlano di quota quasi stabile: se nel 2022 era in povertà l’8,3% del totale delle famiglie residenti in Italia, per lo scorso anno si parla dell'8,5%, corrispondente a circa 5,7 milioni di individui

L’Istat, sulla base delle stime preliminari, indica che nel 2023, le famiglie in povertà assoluta si attestano all’8,5% del totale delle famiglie residenti (nel 2022 erano l’8,3%), corrispondenti a circa 5,7 milioni di individui (9,8%; quota pressoché stabile rispetto al 9,7% del 2022). I dati parlano anche dell’incidenza di povertà assoluta individuale per i minori, che risulta pari al 14%, il valore più alto dal 2014. Rispetto al 2022, le incidenze di povertà sono stabili tra i giovani di 18-34 anni (11,9%) e tra gli over 65 (6,2%), che restano la fascia di popolazione a minore disagio economico.