Il massacro al teatro di Mosca

Uno dei sospettati per la strage del Crocus City Hall: "Mi avevano promesso mezzo milione di rubli"

Il video circola nelle chat russe su Telegram, riportato anche da media indipendenti come Meduza che lo hanno verificato

L'intelligence russa ha dichiarato che 11 persone sono state arrestate per la strage al Crocus City Hall del 22 marzo 2024, di queste sarebbero 4 gli attentatori materiali. Secondo i servizi segreti questi ultimi hanno tentato di fuggire “muovendosi in macchina verso il confine russo-ucraino” dove “avrebbero avuto contatti adeguati da parte ucraina”.

Sui canali Telegram è apparso questo video che mostra l'interrogatorio di uno dei detenuti. Il video è stato pubblicato dal canale telegrafico pro-guerra “Rybar”, dalla propagandista Margarita Simonyan, dal canale “112” vicino alle forze di sicurezza, e altri. 

Nella versione integrale del video, che abbiamo scelto di non pubblicare, l'arrestato dice che il 4 marzo è arrivato dalla Turchia. Era lì “per motivi di documenti”. Quando le persone dietro le quinte gli chiedono cosa stesse facendo il 22 marzo al Crocus City Hall, risponde: “Ha sparato alla gente per soldi”. Ha anche dichiarato di averlo fatto per 500mila rubli (meno di 5mila euro) metà dei quali aveva già ricevuto tramite bonifico su una carta bancaria.