Tra le vittime Mohammad Reza Zahedi, esponente delle Guardie Rivoluzionarie

Damasco: colpito edificio dell'ambasciata dell'Iran, 8 morti. L'attacco è attribuito a Israele

L'ambasciatore iraniano in Siria, Hossein Akbari, ha detto che la risposta "sarà dura"

L'Osservatorio siriano dei diritti umani che ha sede in Gran Bretagna ha reso noto che nell'attacco siriano a Damasco, "sono stati uccisi cinque membri della Guardia rivoluzionaria iraniana", oltre a Mohammad Reza Zahedi, esponente di spicco delle Forze Quds in Siria e Libano.Tra le altre vittime, per un totale di otto persone, si contano anche due consiglieri iraniani.

Il ministro degli Esteri iraniano ha invitato "la comunita' internazionale" a fornire "una risposta seria" agli attacchi israeliani. Durante una telefonata con il suo omologo siriano, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha sostenuto che l'attacco è "una violazione di tutti gli obblighi e le convenzioni internazionali, ha incolpato il regime sionista delle conseguenze di questa azione e ha sottolineato la necessità di una seria risposta da parte della comunità internazionale a tali azioni criminali". E' quanto si legge in una dichiarazione del ministero.

L'ambasciatore iraniano a Damasco, Hossein Akbari, ha detto che la risposta al presunto raid israeliano sulla capitale siriana nel quale è stato colpito un edificio di proprietà dell'ambasciata della Repubblica islamica "sarà dura". Lo riporta al Jazeera. "Risponderemo all'attacco allo stesso modo, al momento e nel luogo appropriati", ha minacciato l'ambasciatore.