Tennis

Le parole di Sinner dopo la vittoria a Miami: "Essere il numero 2 vuol dire molto per me"

L'azzurro conquista il Miami Open battendo Grigor Dimitrov. Ora ha il ranking più alto della sua carriera e della storia italiana

"(Essere secondo nella classifica generale) significa molto per me, ma soprattutto è stata una grande prestazione, soprattutto in quella semifinale e finale, che per me è più importante. Essere numero 2, è una sensazione incredibile . Non avrei mai pensato di arrivare a questo punto. Vengo da una famiglia molto normale. Mio padre lavora ancora, come anche mia madre. Per me, lo sport è una cosa, e la vita un'altra. Sono molto felice di essere in questa posizione. Mi sto godendo ogni momento. Questi sono giorni speciali per vincere un torneo. Non importa che tipo di torneo, è un giorno speciale. Significa molto per me".

"Sicuramente vincere il mio primo evento Masters è stato importante per me, perché ho ottenuto ottimi risultati negli eventi Masters. L'anno scorso ho fatto la semifinale a Indian Wells, la finale qui, la semifinale a Monaco. Ero lì. Non sono mai riuscito a vincere il titolo. Quindi per me mentalmente è stato davvero importante provare a vincerne almeno una, perché è stata una sensazione molto speciale per me a Toronto. Ma poi dopo, quando vinci, ti rendi conto che è davvero speciale, come stavolta. Sì, ma è una momento. Vivi questo momento, poi sei felice e poi voli a Cincinnati e il giorno dopo giochi di nuovo. Quindi non c'è molto tempo per godertelo. Questo è quello che sento, sono migliorato molto. Sai, dopo l'Australia, vivo questi momenti, tre o quattro giorni, e poi torno al lavoro. Era lo stesso a Rotterdam ed è lo stesso qui, perché non hai tempo per divertirti. Quindi io sono così, perché magari ci sono giocatori che si divertono un po' più a lungo. So che non ho molto tempo per prepararmi per Monaco, quindi questo è ovviamente il prossimo obiettivo, cercare di prendere confidenza con la terra".