Il materiale viene ricavato dal micelio

Scienza: arrivano i vestiti a base di funghi

Un'azienda californiana sta promuovendo una sorta di pelle ricavata dai funghi come una svolta in termini di sostenibilità. Tra un paio di anni, secondo l'azienda, potremmo portarla ai nostri piedi

Scienza: arrivano i vestiti a base di funghi
Gettyimages
‘Growing Shoes' di Kristel Peters, scarpe realizzate con materiali fungini biodegradabili alla mostra "Funghi: l'arte, il design e il futuro dei funghi" al Somerset House, Londra

Potrebbe essere un'alternativa vegana alla pelle da utilizzare per salvare non solo gli animali. Per adesso ha già fatto il suo ingresso nell'alta moda, utilizzata per una borsa del marchio Herme's. La 'pelle di funghi', un materiale ricavato dal micelio per assomigliare alla pelle di vitello, come riporta il quotidiano The Guardian, per gli scienziati potrebbe aiutare a salvare il pianeta. Questo, in estrema sintesi, è quanto emerge da uno studio della società di biomateriali MycoWorks, presentato durante la conferenza Business of Fashion Voices nell'Oxfordshire. E tra un paio di anni, secondo l'azienda californiana, potremmo indossare ai nostri piedi questo tipo di pelle.

Il micelio è la parte sotterranea dei funghi Gettyimages
Il micelio è la parte sotterranea dei funghi

Una rivoluzione per la sostenibilità nel mondo della moda

"La pelle di funghi - afferma Matt Scullin, CEO di MycoWorks - potrebbe rivoluzionare la sostenibilità nell'industria della moda". Il micelio può essere coltivato dai funghi nel giro di poche settimane, riportano gli esperti, e permette di riprodurre aspetto e sensazione della vera pelle, con un significativo miglioramento in termini di resistenza e durata. "La sensazione di esclusività associata alla vera pelle - riporta Scullin - è molto simile a quella che il materiale a base di micelio restituisce. Nessun animale soffre per produrla e l'assenza di emissioni rappresenta un altro vantaggio a favore della nostra alternativa". "Sono interessato a instaurare un dialogo con gli stakeholder delle industrie creative - aggiunge Merlin Sheldrake, biologo associato presso la Vrije University di Amsterdam - in modo da individuare il modo migliore per impiegare questa tecnologia nella società. I funghi hanno un enorme potenziale nell'ottica di migliorare la sostenibilità dell'industria della moda, ma anche in molti altri settori".

La pelletteria rappresenta il 15% del mercato del lusso

Stando al recente rapporto di Higg index per la sostenibilità, la pelle bovina è associata a danni ambientali più ingenti rispetto a qualunque altro tessuto, compresa la pelle sintetica a base di plastica, a causa della deforestazione e delle emissioni di gas associate all'allevamento di animali. La stima effettuata nell'ambito del rapporto Consumer Market Outlook Luxury Leather Goods indica che la pelletteria rappresenta il 15 per cento del mercato del lusso nel 2019. Anche Adidas sta collaborando con MycoWorks per sviluppare prodotti a base di pelle di funghi. Questo materiale è diventato esclusivo, ma per avere un impatto sostanziale sulla sostenibilità, dovrebbe essere accessibile a un prezzo inferiore.

"Stiamo lavorando con la moda di lusso perché si tratta di un settore in grado di guardare oltre in caso di sostenibilità - afferma Scullin - il materiale può essere realizzato in poche settimane, ma ci sono delle accortezze che dobbiamo mantenere per garantire le proprietà ecocompatibili del micelio. Allo stesso modo, i funghi potrebbero rivoluzionare la concezione della moda sostenibile, promuovendo una visione di ciò che possiamo pensare in termini di natura e di riutilizzo".