Guerra in Ucraina

Kiev, precipita elicottero: 14 morti. Fra loro il ministro dell'Interno, muore anche un bambino

Il velivolo dei Servizi di emergenza statali è caduto vicino un asilo. A bordo i vertici del ministero degli Interni, tra le vittime il ministro Monastyrskyi e almeno un bimbo, i feriti sono 25. Zelensky: una terribile tragedia
Kiev, precipita elicottero: 14 morti. Fra loro il ministro dell'Interno, muore anche un bambino
Twitter / @furrr_fur
Ucraina, schianto di un elicottero nella regione Kiev

Nella strage a Brovary, vicino a un asilo a poca distanza da Kiev, anche 25 feriti. Zelensky: tragedia terribile.

Elicottero caduto a Brovary: Zelensky ringrazia i soccorritori e gli educatori dell'asilo

"Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato all'operazione di salvataggio di oggi", dice il presidente ucraino Zelensky nel suo consueto discorso video notturno. E conferma: "Nell'incidente dell'elicottero sono rimaste ferite 25 persone, tra cui 11 bambini, e 14 persone sono state uccise, tra le quali un bambino. Il Ministro Denys Monastyrskyi, Yevhen Yenin e i loro colleghi morti nell'incidente non sono persone che possono essere facilmente sostituite". Poi fornisce altri dettagli: “Le operazioni di soccorso sono durate piu' di nove ore e il servizio di sicurezza ucraino sta conducendo un'indagine penale sull'incidente”. E ancora: "Centinaia di persone hanno partecipato allo spegnimento dell'incendio, alla ricerca e al salvataggio dei feriti e alle prime azioni investigative: i nostri soccorritori, gli agenti di polizia, i soldati della Guardia Nazionale, i medici, gli psicologi, i dipendenti del Servizio di Sicurezza dell'Ucraina". Un ringraziamento va anche agli educatori dell'asilo sul cui territorio è precipitato l'elicottero: "Grazie per le vostre azioni coraggiose, per aver portato fuori i bambini".
 

Il Canada convoca l'ambasciatore russo

La ministra degli Esteri canadese Melanie Joly ha convocato l'ambasciatore russo, per protesta contro “la brutalità” degli attacchi di Mosca contro i civili ucraini. Ottawa cita esplicitamente l'ultimo bombardamento su un'area residenziale a Dnipro, che ha ucciso almeno 45 persone. Ma la convocazione menziona anche i “commenti antisemiti” del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov: che ore prima aveva paragonato l'alleanza occidentale contro Mosca alla “soluzione finale” voluta da Hitler per lo sterminio degli ebrei.

 

Il Pentagono: mai sostenuto che Kiev non possa colpire in Crimea

“Non abbiamo mai sostenuto che la Crimea sia off-limits per gli attacchi di Kiev contro le truppe russe”. 

La dichiarazione di un funzionario del Pentagono esce in parallelo a un articolo del New York Times, secondo cui gli Stati Uniti, dopo mesi di discussioni con le autorità ucraine, stanno ripensando la possibilità che le forze armate ucraine colpiscano in Crimea e a tale scopo anche la fornitura a Kiev di armi più pesanti: “anche se una tale mossa aumenta il rischio di escalation”. Secondo il giornale, “l'amministrazione Biden sta valutando quella che sarebbe una delle sue mosse più audaci: aiutare l'Ucraina ad attaccare la Crimea”. La penisola sul Mar Nero, occupata e annessa alla Federazione russa nel 2014, è usata come base dalle forze di Mosca per colpire obiettivi sul territorio ucraino. Il cambio di atteggiamento, rispetto alla precedente contrarietà di Washington, sarebbe dovuto alla convinzione da parte dell'Amministrazione Biden che in un futuro negoziato di pace potrà pesare anche la capacità dell'esercito ucraino di minacciare il controllo russo sui territori occupati. Inoltre, dicono funzionari dell'amministrazione Biden, il timore che la Russia possa reagire usando armi nucleari è diminuito, sebbene il rischio rimanga. 
 

Stoltenberg: "L'Ucraina sarà membro della Nato"

“La posizione della Nato rimane invariata: e cioè che l'Ucraina diventerà un membro della Nato”. Così oggi il segretario della Nato, Jens Stoltenberg, intervenendo al Forum economico mondiale di Davos. "Quindi, ovviamente, l'obiettivo principale ora è sostenere l'Ucraina per garantire che l'Ucraina vinca la guerra e rimanga una nazione democratica, sovrana e indipendente in Europa. E questo è il motivo per cui i partner degli alleati della Nato stanno fornendo un supporto militare senza precedenti all'Ucraina". 
 

Chi era Denys Monastyrsky, il ministro morto nello schianto dell'elicottero a Brovary

Fedelissimo del presidente Zelensky, avvocato fino all'impegno in politica nel 2014, Denys Monastyrsky è il primo ministro del governo ucraino a perdere la vita dall'inizio dell'invasione russa, nel corso della quale ha giocato un ruolo di primissimo piano a capo del dicastero dell'Interno. 

Responsabile della polizia e della sicurezza, ha gestito le operazioni dei servizi di emergenza ucraini, anch'essi sotto il controllo del ministero dell'Interno, organizzando il sistema di conteggio e diffusione del numero delle vittime civili. Nato nel 1980 nella città occidentale di Khmelnytsky, nell'Ucraina ancora parte dell'Urss, il giovane Monastyrsky fu nominato ministro dell'Interno nel luglio 2021, sei mesi prima dell'invasione russa, in sostituzione del navigatissimo Arsen Avakov. 

La nomina di Monastyrsky venne valutata come un consolidamento del potere del presidente, anche perchè il neo ministro aveva fatto parte del team che sosteneva la candidatura di Zelensky nel 2019. Laureato in giurisprudenza, aveva diretto il dipartimento di diritto dell'Università di Khmelnytskyi, dove era professore associato. Nel 2014, l'impegno in politica: fu consulente dell'allora deputato Anton Gerashchenko fino al 2019, quando venne eletto a sua volta in Parlamento nel partito “Servitore del Popolo” di Zelensky. 
 

Scholz: Incidente elicottero mostra l' immenso tributo pagato da Kiev

"L'incidente dell'elicottero a Brovary mostra ancora una volta l'immenso tributo che l'Ucraina paga in questa guerra. I nostri pensieri in questo triste giorno vanno alle famiglie delle vittime e dei feriti, così come al presidente Volodymyr Zelensky, che oggi ha perso il ministro dell'Interno". A scriverlo, su Twitter, è il cancelliere tedesco Olaf Scholz, commentando il disastro costato la vita a 14 persone, inclusi i vertici del ministero dell'Interno ucraino.


 

Unicef Italia: "I bambini pagano il prezzo più alto della guerra"

"L'Unicef è profondamente addolorato nell'apprendere dell'incidente in elicottero avvenuto oggi in un asilo nei pressi di Kiev in Ucraina che ha ucciso e ferito un numero non ancora confermato di bambini e bambine", lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell'UNICEF per l'Italia.

"Esprimiamo il nostro più profondo cordoglio alle famiglie e alle comunità colpite, in particolare a quelle che hanno perso i propri cari. E' davvero un episodio che lascia sgomenti e senza parole. La guerra deve finire i bambini pagano sempre prezzi troppo alti", conclude.

 

Kiev, capo della polizia nazionale nominato nuovo ministro dell' interno ad interim

Il governo ucraino ha nominato il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko come nuovo ministro dell'Interno ad interim. Lo annuncia il primo ministro ucraino Denys Shmygal via Telegram, come riportato da Ukrainska Pravda. 

"Dopo la discussione con il parlamento, ci sarà una proposta per la nomina di un nuovo capo del dipartimento", fa sapere Shmygal. "Il ministero dell'Interno è uno degli anelli fondamentali per la sicurezza del nostro Paese, e quindi sono in atto i protocolli necessari per tenere sotto controllo tutti i processi".

 

Resi noti i nomi di tutti i funzionari a bordo di elicottero caduto

Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa ucraina Unan, sono stati resi noti dal ministero dell'Interno ucraino i nomi dei funzionati a bordo dell'elicottero caduto a Brovary, nella regione di Kiev.  

Con il ministro dell'Interno ucraino Denys Monastyrskyi stavano viaggiando il suo primo vice Yevgeny Yenin, il segretario di Stato del ministero degli Affari interni Yuriy Lubkovich, la vice capa del servizio di patrocinio del ministero degli Affari interni Tetyana Shutyak, il capo della protezione del dipartimento di sicurezza interna della polizia nazionale, il tenente colonnello Mykhailo Pavlushko, e l'ispettore capo del dipartimento della Comunicazione del ministero degli Affari interni Mykola Anatskyi.

 

Putin sicuro della vittoria

"La vittoria è garantita. Non ho dubbi". Lo ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, durante una visita a una fabbrica di armi a San Pietroburgo. Secondo quanto riporta l'agenzia Tass, Putin ha affermato che ci sono tutte le ragioni per considerare le autorità ucraine come un "Regime neonazista". "A Kiev glorificano Bandera, complice di Hitler, e l'esercito ucraino continua l'esecuzione di civili nel Donbass e nei territori adiacenti", ha detto Putin.

L'aereo caduto volava a bassa quota per evitare missili

Il ministro dell'interno Denys Monastyrskyi era in viaggio verso "un punto caldo" della guerra quando il suo elicottero si è schiantato. Lo ha detto, parlando alla tv ucraina, il vice capo dell'ufficio presidenziale ucraino Kyrylo Tymoshenko, come riporta la BBC.

Come ha spiegato il corrispondente dell'emittente britannica da Kiev, i funzionari ucraini generalmente volano a bassa quota per evitare i missili nemici. ed era nebbioso stamattina. Al momento non si conoscono le cause dell'incidente e gli investigatori stanno setacciando la scena.

Intelligence di Kiev: "Varie ipotesi aperte sulla causa dell'incidente"

Sono varie le ipotesi al vaglio del servizio di sicurezza ucraino Sbu sulle cause dell'incidente che hanno portato alla caduta dell'elicottero: dalla violazione delle regole di volo ad "azioni intenzionali per distruggere il veicolo", secondo quanto riporta Ukrainska Pravda. 

"Gli investigatori della Sbu hanno avviato un'indagine preliminare sullo schianto di un elicottero a Brovary, nella regione di Kiev. Diverse versioni della tragedia sono attualmente allo studio, tra cui: violazione delle regole di volo;️ malfunzionamento tecnico dell'elicottero;️ azioni intenzionali per distruggere un veicolo". Ora gli ufficiali della Sbu stanno eseguendo un complesso di misure investigative e operative per stabilire tutte le relazioni causali e i dettagli della tragedia. 

L'elicottero era diretto a Kharkiv. Capo della polizia: 'Dovevo incontrare vertici ministero e stringere loro la mano'

Si stava dirigendo nella regione di Kharkiv, nell'Ucraina orientale, l'elicottero con la delegazione del governo di Kiev guidata dal ministro degli interni ucraino Denys Monastyrskyi che si è schiantato vicino a un asilo in un sobborgo della capitale. lo ha annunciato Volodymyr Tymoshko, capo della direzione principale della polizia nazionale di Kharkiv raccontando che sia ieri che questa mattina aveva parlato con tutti coloro che erano a bordo e avrebbe dovuto incontrarli. 

"Oggi avrei dovuto incontrarli, stringergli la mano, vedere non solo funzionari dello stato ma amici che rispettavo e aspettavo", ha affermato. 

 

Il luogo in cui è caduto l'elicottero

Una vista della scena in cui un elicottero si è schiantato a Brovary, alla periferia di Kiev, in Ucraina, mercoledì 18 gennaio 2023. (AP Photo/Daniel Cole)
Una vista della scena in cui un elicottero si è schiantato a Brovary, alla periferia di Kiev, in Ucraina, mercoledì 18 gennaio 2023.

Testimoni, forte esplosione e poi elicottero è caduto

"La gente ha notato che c'è stata una forte esplosione e come l'elicottero abbia volteggiato più volte in aria e solo allora sia caduto". Lo riferisce Espreso Tv. Secondo il Servizio di emergenza statale "il 18 gennaio, alle 8.20 nella città di Brovary, nella regione di Kiev, a seguito della caduta dell'elicottero EC-225 del Servizio di emergenza statale (volo numero 54), l'edificio del Servizio di emergenza statale è stato danneggiato con conseguente incendio, danneggiati anche i vetri di un edificio residenziale di quattordici piani e 3 autovetture. Alle 9.06, l'incendio nell'edificio è stato contenuto in un'area di 500 metri quadrati e alle 9.28 è stato spento".

Lavrov, Italia tra leader fronte anti-russo, siamo sorpresi

"E' stata una sorpresa per noi vedere l'Italia diventare uno dei leader nel fronte anti-russo".
Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov rispondendo a una domanda dell'Ansa in conferenza stampa a Mosca. 
La rapidità con cui l'Italia si è spostata nel campo dei leader nelle azioni anti-russe, la retorica, è stata alquanto sorprendente per noi". 
"Ma mi piace molto il popolo italiano, le sue tradizioni e il suo atteggiamento nei confronti della vita coincide con l'atteggiamento di molti dei nostri popoli", ha aggiunto Lavrov, "il modo in cui l'Italia reagisce a ciò che sta accadendo riflette la linea di confronto aggressivo imposta all'Europa, piuttosto che gli interessi del popolo italiano. Al popolo italiano non interessano le barriere, recintare, tagliare tutti i canali».

 

 

Un video mostra un cavo che potrebbe essere causa dell'incidente a Brovary

Zelensky, terribile tragedia a Brovary, indagini in corso

"Oggi si è verificata una terribile tragedia a Brovary, nella regione di Kiev. Un elicottero della Ses è precipitato e sul luogo dell'incidente è scoppiato un incendio. Al momento sono morte 15 persone. Tra di loro ci sono il ministro degli Affari Interni dell'Ucraina Denys Monastyrskyi, il suo primo vice Yevhen Yenin, il Segretario di Stato del Ministero degli Affari Interni Yuri Lubkovych, i loro assistenti e l'equipaggio dell'elicottero". Così Zelensky su Telegram aggiungendo di aver incaricato "il Servizio di sicurezza ucraino, in collaborazione con la Polizia nazionale, di scoprire tutte le circostanze dell'accaduto". 

Lo schianto dell'elicottero

Ucraina, schianto di un elicottero nella regione Kiev Twitter / @furrr_fur
Ucraina, schianto di un elicottero nella regione Kiev

La mappa del disastro

Il luogo in cui è caduto l'elicottero a Brovary social
Il luogo in cui è caduto l'elicottero a Brovary

Sale a 18 il numero delle vittime dell'elicottero precipitato

E' salito a 18 il numero delle vittime dell'elicottero dei Servizi di emergenza ucraini caduto oggi nella regione di Kiev: lo ha reso noto su Facebook il capo della polizia nazionale, Ihor Klymenko, come riporta Ukrainska Pravda. Klymenko ha inoltre indicato che il bilancio dei bambini morti è salito a tre.   Secondo il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleksiy Kuleba, i feriti sono 29.

Lavrov: Usa come Hitler

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, nel corso della sua conferenza stampa annuale, ha paragonato quelle che ha definito le azioni degli Stati Uniti per creare una coalizione contro la Russia a quelle di Adolf Hitler contro l'Urss. "Come Napoleone mobilitò quasi tutta l'Europa contro l'Impero russo, come Hitler mobilitò e catturò, mise sotto le armi la maggior parte dei Paesi europei e li scagliò contro l'Unione Sovietica, ora gli Stati Uniti hanno organizzato una coalizione di quasi tutti gli europei, membri della Nato e non solo, membri anche dell'Ue, e attraverso l'Ucraina, per procura, stanno conducendo una guerra contro il nostro Paese con lo stesso compito, la soluzione finale della 'questione russa'", ha detto Lavrov.

 

Michel: fornire carri armati e più armi a Kiev

"Da quasi un anno la Russia sta perseguendo una strategia della distruzione e del terrore, provando a sottomettere il popolo ucraino. Abbiamo assistito a questa strategia a Bakhmut, a Soledar e, più di recente, a Dnipro. Ma gli ucraini stanno resistendo e l'Unione europea continuerà a sostenerli per tutto il tempo necessario con il nostro sostegno militare grazie all'aumento della Peace facility europea" e "personalmente sono d'accordo con la fornitura di carri armati all'Ucraina". Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nel suo intervento al Parlamento europeo a Strasburgo.

Lavrov: negoziati con Zelensky fuori questione

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, nel corso della sua conferenza stampa annuale, ha escluso la possibilità di colloqui con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Non si può parlare di negoziati con Zelensky, se non altro perché ha vietato legalmente i negoziati con il governo russo", ha dichiarato Lavrov.

Sono 16 i morti nello schianto dell'elicottero nei sobborghi di Kiev

Sono almeno 16 i morti nello schianto di un elicottero in un sobborgo di Kiev: lo ha detto la polizia ucraina.Il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko ha spiegato che nove dei morti erano a bordo dell'aereo, che si è caduto vicino a un asilo e a un edificio residenziale nel sobborgo orientale di Brovary. Due dei morti erano bambini, ha aggiunto. Altre 22 persone sono ricoverate in ospedale, tra cui 10 bambini, ha poi sottolineato Klymenko.

Ministro Interno ucraino morto in schianto elicottero nella regione Kiev, 16 vittime, anche bambini

Il ministro degli Interni ucraino Denys Monastyrskyi è morto nello schianto dell'elicottero caduto vicino ad un asilo a Brovary, nella regione di Kiev. Tra le vittime anche il suo vice Yevhen Yenin e il segretario di Stato del Ministero degli affari interni. Lo riferiscono i media ucraini citando il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko, precisando che 9 dei morti erano a bordo dell'aeromobile.

Incendio dopo schianto dell'elicottero a Kiev, vicino a un asilo

Elicottero caduto su un asilo nella regione di Kiev, 5 morti, anche bambini

L'elicottero precipitato oggi vicino a un asilo nella regione di Kiev ha provocato almeno cinque morti, inclusi bambini: lo ha reso noto la portavoce della Polizia nazionale della regione, Iryna Prianyshnykova, come riportano i media ucraini. "Un elicottero è precipitato, è successo vicino a un asilo.Al momento si parla di cinque persone morte", ha detto Prianyshnykova aggiungendo che tra le vittime ci sono anche bambini.   Secondo le prime informazioni, nell'asilo è scoppiato un incendio. 

Almeno due arresti a Mosca a memoriale vittime di Dnipro

Diverse persone sono state arrestate a Mosca presso un memoriale improvvisato per le vittime di Dnipro, la città ucraina dove sabato un missile russo ha sventrato un condominio, uccidendo almeno 45 persone, compresi sei bambini. La Russia nega di aver colpito l'edificio residenziale.Il Moscow Times riporta che i moscoviti hanno iniziato a deporre fiori presso il monumento alla poetessa ucraina Lesya Ukrainka subito dopo la notizia delle conseguenze dell'attacco, circolate online assieme a iprese dell'edificio a Dnipro. Sotto la statua è stata posta una fotografia incorniciata del palazzo distrutto, e ieri sono stati rimossi i fiori deposti accanto all'immagine. Secondo il sito di monitoraggio OVD-Info, sono state arrestate due persone che hanno deposto fiori al memoriale improvvisato nella parte occidentale di Mosca, accompagnate dai loro partner.

La canzone suonata con la fisarmonica dal soldato per gli artiglieri russi (Video)

La fila infinita di tombe nel piccolo cimitero dei mercenari russi del gruppo Wagner (Video)

La fila infinita di tombe nel piccolo cimitero dei mercenari russi del gruppo Wagner (Video)

La fila infinita di tombe nel piccolo cimitero dei mercenari russi del gruppo Wagner (Video)

Stati Uniti "elogiano" Londra per invio carri armati a Kiev

Gli Stati Uniti hanno "elogiato" la decisione di Londra di inviare in Ucraina i carri armati da combattimento Challenger 2, in dotazione all'esercito britannico, e ulteriori sistemi di artiglieria, in "aggiunta" a quelli che Washington sta gia' fornendo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken, al termine del bilaterale con il suo omologo britannico James Cleverly.

Kiev: la Russia ha rapito quasi 14.000 bambini ucraini

"Siamo riusciti a identificare e verificare i dati di almeno 13.899 bambini rapiti e deportati dall'esercito russo e, purtroppo, possiamo dire che solo 125 (di loro) sono riusciti a tornare a casa", ha dichiarato il 17 gennaio Daria Herasymchuk, consigliere presidenziale ucraino per i diritti dei bambini e la riabilitazione.

Gli Stati Uniti inviano all'Ucraina armi prese da depositi in Israele

L'anno scorso gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo con Israele per rifornire l'Ucraina di munizioni d'artiglieria da 155 mm provenienti da depositi statunitensi situati nello Stato ebraico, lo scrive il New York Times. Secondo le sue fonti, l'accordo prevede la consegna all'Ucraina di 300.000 proiettili d'artiglieria, circa la metà dei quali sono stati finora spediti in Europa e dovrebbero arrivare in Ucraina attraverso la Polonia. Le consegne provengono dai depositi statunitensi istituiti in Israele dopo la guerra arabo-israeliana del 1973 per l'utilizzo da parte dell'esercito americano nei conflitti in Medio Oriente.Washington aveva autorizzato il governo di Israele ad accedere alle scorte in caso di emergenza. La decisione d'emergenza e' stata presa perche' i produttori americani non riescono a tenere testa alle richieste di armamenti arrivate da Kiev, e nel frattempo le munizioni in Usa si sono ridotte. L'artiglieria costituisce la spina dorsale delle armi inviate agli ucraini per contrastare l'invasione russa.

 

Zelensky: i Paesi Bassi consegneranno a Kiev una batteria di sistemi di difesa aerea Patriot

"Oggi abbiamo appreso una notizia molto importante dal Primo Ministro dei Paesi Bassi Mark Rutte. L'Ucraina riceverà un'altra batteria di Patriot. Quindi abbiamo già tre batterie garantite. Ma questo è solo l'inizio. Stiamo lavorando a nuove soluzioni per rafforzare il nostro sistema", ha dichiarato in un messaggio video pubblicato sul suo canale Telegram.

Blinken: Presto "ulteriori annunci" su aiuti a Kiev

Verranno fatti "ulteriori annunci" sulle forniture di armi occidentali all'Ucraina nei prossimi giorni, quando nella base aerea statunitense a Ramstein, in Germania, si riuniranno i ministri della Difesa dei Paesi alleati della Nato: lo ha detto il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, nella conferenza stampa congiunta con l'omologo britannico, James Cleverly, a Washington. Il capo della diplomazia Usa ha aggiunto che le richieste russe all'Ucraina di riconoscere nuove realtà territoriali sono inaccettabili e non consentono un processo negoziale. "I russi stanno cercando di promuovere la narrativa secondo cui sono interessati alla diplomazia, e l'Ucraina no. Questo, ovviamente, non è vero". "La linea di fondo è che siamo determinati a garantire che l'Ucraina abbia ciò di cui ha bisogno per avere successo sul campo di battaglia".